TRUMP LICENZIA JOHN BOLTON VIA TWITTER/ Il consigliere: “Non ero d’accordo con lui”

- Davide Giancristofaro Alberti

Trump licenzia John Bolton via Twitter, la replica: “No, mi sono dimesso io”. Fonti: “Non si parlavano più da tempo”, le ultime notizie

trump 1 lapresse1280
Donald Trump (LaPresse)

La rottura tra Donald Trump e John Bolton, con tanto di querelle licenziamento-dimissioni, ha scatenato un nuovo terremoto politico ai vertici della Casa Bianca. Secondo fonti qualificate, il presidente Usa e il consigliere per la sicurezza nazionale erano arrivati al punto di non parlarsi quasi più, con Bolton che ha sottolineato di non essere più d’accordo su nulla con il tycoon. Intervenuto su Repubblica, Federico Rampini ha evidenziato: «Si tratta di un licenziamento di primissimo piano perché è uno dei ruoli più importanti nel definire la strategia, la sicurezza, la politica estera e i possibili interventi militari degli Stati Uniti». Il giornalista ha poi proseguito: «La ragione di questo licenziamento è che il presidente e il suo consigliere non andavano più d’accordo su nulla: non andavano d’accordo sulla Corea, sull’Iran, sull’Afghanistan, sul Venezuela. Quella di Bolton era una presenza molto incisiva». (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

USA, NUOVO TERREMOTO POLITICO

Donald Trump fa fuori John Bolton, e alla Casa Bianca cade un’altra testa di spicco nel giro di pochi mesi. A comunicarlo, come da copione, è stato lo stesso presidente degli Stati Uniti, che attraverso la propria pagina Twitter ha scritto: “Ho informato John Bolton la scorsa sera che i suoi servizi non sono più necessari alla Casa Bianca. Ero fortemente in disaccordo con molti dei suoi consigli come altri nell’amministrazione. Ho chiesto a John di dimettersi – ha aggiunto il commander in chief attraverso un altro tweet – e stamattina lo ha fatto. Ringrazio molto John per il suo servizio, la prossima settimana nominerò un nuovo consigliere per la sicurezza nazionale”. Bolton era stato nominato solamente pochi mesi fa al posto di Michael Flynn, coinvolto nel caso Russiagate, ma evidentemente qualcosa non ha funzionato.

TRUMP LICENZIA JOHN BOLTON VIA TWITTER

Lo si capisce anche dal post social dello stesso “silurato”, secondo cui sarebbe stato Bolton ad aver chiesto le dimissioni e non il contrario: “Ho offerto le mie dimissioni ieri sera e il presidente Trump mi ha detto ‘parliamo domani'”. Dove sta la verità? Forse in mezzo, come si suol dire, o forse si farà maggiore chiarezza nelle prossime ore. In aiuto ci giunge la Cnn, noto network televisivo americano, secondo cui nelle scorse ore Trump e Bolton avrebbero avuto una lite sul recente incontro top secret con i talebani per provare a siglare la pace in Afghanistan: “John Bolton e il presidente Donald Trump – spiegano – hanno avuto un’accesa discussione ieri sera sul piano del presidente di ospitare i leader talebani a Camp David”. Nelle ultime settimane si era parlato anche di dissidi fra Bolton e Mike Pompeo, segretario di stato, su temi sensibili come l’Afghanistan, l’Iran, Il Venezuela e la Corea del Nord: il consigliere per la sicurezza nazionale, secondo le voci, era diventato troppo interventista e non in linea con la politica estera del presidente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA