“Tuo figlio è malato? Tienilo a casa”/ Mamma chiede distanziamento: aggredita in spiaggia da 2 turiste

- Davide Giancristofaro Alberti

Mamma aggredita in spiaggia per aver chiesto il distanziamento a due turiste che si erano messe troppo vicine al figlio, reduce da un trapianto

Veratour Spiaggia CS1280 640x300

Una mamma è stata aggredita verbalmente per il semplice fatto di aver chiesto di tenere il distanziamento. L’episodio è riportato dall’edizione 5 agosto de Il Fatto Quotidiano e ci giunge dalla Toscana, precisamente dalla località marittima di Massa. Sabato scorso madre e figlio 13enne si trovavano in spiaggia per godersi il mare e la bella giornata. Ad un certo punto però, due donne hanno deciso di stendere i loro asciugamani molto vicini a quelli del ragazzino, e la madre, una turista proveniente dal nord Italia, ha chiesto gentilmente se si potevano allontanarsi in quanto suo figlio aveva appena subito un trapianto. Peccato però che le due abbiano reagito in malo modo, rispondendole: “Il Covid non esiste e se tuo figlio sta male tienilo chiuso in casa”. Mamma e figlio, riporta ancora Il Fatto Quotidiano citando il giornale Il Tirreno, si trovavano a Massa dallo scorso 18 giugno, e l’obiettivo era quello di respirare un po’ di aria fresca e pulita come è appunto quella di mare, con l’aggiunta di lunghe passeggiate e dei bei bagni, insomma, una tipica vacanza all’insegna del relax e della natura.

“FIGLIO MALATO? TIENILO A CASA”, MAMMA VIENE AGGREDITA: “CI SIAMO CHIUSI IN STANZA”

Un’ottima “cura” per il ragazzino 13enne che veniva da un’operazione avvenuta presso il prestigioso ospedale Gaslini di Genova, dove ha subito un delicato trapianto di trachea sei mesi fa. Stava scorrendo tutto liscio fino a che sabato scorso, 1 agosto, è accaduto l’episodio di cui sopra. Mamma e figlio avevano affittato un ombrellone in una spiaggia libera attrezzata, per poi vedere due turiste posizionarsi a pochi centimetri dal ragazzino, che se ne stava comodamente seduto sulla sua sdraio. Numerosi sono stati i bagnanti che hanno assistito alla scena, prendendo le difese della donna e del figlio, che alla fine hanno comunque deciso di lasciare la spiaggia. “Mio figlio, che è molto fragile – ha raccontato poi la mamma – ha paura di ritornare al mare e quindi in questi giorni siamo restati nel nostro residence completamente isolati. Stiamo bene, e ringrazio le tante dimostrazioni di solidarietà che ci sono pervenute”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA