TURISMO CHE RIAPRE/ Baia degli Achei, quella voglia di vacanza che vince l’incertezza

- int. Luigi Bernardo

Da circa dieci giorni ha riaperto il Baia degli Achei Village nella piana di Sibari. Fino a settembre sarà quasi sempre al completo

Baia Achei TH Sibari CS1280
La spiaggia del Baia degli Achei Village

Sibarita: persona estremamente raffinata, che ama circondarsi di piaceri e di lusso (con allusione alla nota ricchezza e mollezza di costumi degli antichi abitanti di Sibari). (Treccani)

Nella piana di Sibari, in Calabria, in quest’angolo di terra dove evidentemente si cullava il ben-essere degli abitanti, su questa Magna Grecia ionica, le coltivazioni di arance e ulivi si confondono con la macchia mediterranea e il blu intenso del mare. Qui sorge il Baia degli Achei Village (proprietà di Cassa depositi e prestiti e gestione del gruppo TH Resorts), all’ombra di una rigogliosa pineta privata di 14 ettari. La struttura è affidata all’hotel manager Luigi Bernardo.

Direttore, è a Sibari da molto?

Beh, direi da sempre: io sono un sibarita doc!

Complimenti. E quei piaceri e quel lusso che si diceva?

I tempi cambiano… Adesso cerco di regalare ai nostri ospiti le attenzioni e i comfort necessari perché comunque conservino del nostro resort un ricordo piacevole. Dirigo il villaggio dal 1998, fin da quando il vecchio campeggio esistente venne trasformato in resort e affidato a TH, che allora era ancora Tivigest. Io e il villaggio siamo cresciuti insieme.

Ma, almeno il villaggio, non troppo, no? È rimasto “a dimensione umana”?

È vero: a regime completo offriamo 400 posti letto, ma adesso ne vendiamo solo 240, per le restrizioni prescritte dai protocolli di sicurezza stabiliti da TH. Da 150 camere siamo passati a 90, su villette a schiera, unico piano con giardino. Certo, in realtà i nostri spazi e la natura che ci circonda consentirebbero ben altri numeri, ma per adesso va bene così. In futuro si vedrà.

Quando avete riaperto?

Il 4 luglio. Nella prima settimana abbiamo avuto cento presenze, adesso sono già salite a 150 e per le prossime settimane saremo sopra quota 200. Anche per agosto abbiamo parecchie prenotazioni e fino alla chiusura, il 13 settembre, saremo sempre quasi al completo. Certo, ci sono molti clienti che chiamano sottodata, un fenomeno di quest’estate, in clima d’incertezza. Ma vedo che alla fine sono in tanti a voler concedersi almeno una settimana di vacanza.

Solo turisti italiani?

Adesso sì. Negli scorsi anni avevamo avuto una quota di stranieri, anche russi. Ma oggi, con le limitazioni dei voli… Qui abbiamo anche molti repeaters: ci sono clienti che tornano da 15 anni.

Avete adottato ogni misura di sicurezza, immagino…

Certo, dalla ristorazione al tavolo, sempre su servizio e mai a buffet (tra l’altro con prodotti della gastronomia locale proposti ogni giorno), fino ai servizi sulla spiaggia, con 16 metri quadrati a disposizione per ogni ombrellone. Il mare è bellissimo, e l’arenile è profondo 100 metri: c’è tutta la possibilità di mantenere ogni distanza voluta.

E quali sono le attività proposte?

Abbiamo un laghetto naturale, dove è possibile cimentarsi nella pesca sportiva, circondato da ulivi, pini ed eucalipti che degradano verso la lunga spiaggia. A disposizione ci sono anche due piscine, idromassaggio, 3 campi da tennis in sintetico, 1 con illuminazione serale, campo da calcetto in erba con illuminazione serale, campo da basket, minigolf, corsi collettivi di ginnastica, aerobica, corsi sportivi individuali, bici, corsi di vela, windsurf, e tennis, uscite in barca con canoe e pedalò. Infine, tutte le attività e l’assistenza per i più piccoli le le escursioni guidate nei dintorni: qui siamo nel cuore della Magna Grecia. Basta solo guardarsi intorno…

(Alberto Beggiolini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA