Uccide marito versandogli acqua bollente e 3 kg di zucchero/ Omicidio choc dopo lite

- Emanuela Longo

Uccide marito nel sonno versandogli un pentolone di acqua bollente mischiato a 3 chili di zucchero: condannata donna nel Regno Unito

corinne baines twitter 640x300
Corinna Baines, foto Twitter

Corinna Baines, una 59ene britannica, ha usato un modo alquanto inquietante per uccidere il marito, l’anziano 81enne Michael Baines, dopo aver trascorso 38 anni di vita insieme. La donna avrebbe versato addosso al consorte un pentolone di acqua bollente mischiata con ben 3 chili di zucchero rendendosi autrice di un inevitabile delitto choc. A darne notizia è il Sun ma ben presto il caso si è diffuso tra le varie testate britanniche e non solo giungendo anche sulla nostra stampa nazionale. I fatti si sono svolti nella contea di Cheshire, nel Regno Unito, il 13 luglio scorso ma solo adesso, a distanza di quasi un anno ed a conclusione del processo, la moglie della vittima è stata ritenute definitivamente colpevole del suo omicidio.

A colpire gli inquirenti che hanno indagato al caso, sarebbe stato proprio il gesto “crudele e doloroso” della donna come definito dall’ispettore capo Paul Hughes, del Cheshire Constabulary. La donna infatti, nel versargli addosso l’acqua bollente e 3 chili di zucchero mentre dormiva gli avrebbe causato atroci sofferenze per giorni prima della sua morte avvenuta dopo oltre un mese dal fatto, il 18 agosto scorso.

UCCIDE MARITO NEL SONNO VERSANDOGLI ACQUA BOLLENTE E 3 KG DI ZUCCHERO

Secondo quanto emerso dall’accusa, Corinna Baines avrebbe lasciato il marito Michael Baines in agonia per diversi minuti dopo avergli causato gravissime ustioni su più di un terzo del suo corpo. Dopo l’assurda aggressione sarebbe uscita di casa e avrebbe raggiunto l’abitazione di una vicina alla quale avrebbe confessato tutto e in lacrime avrebbe detto: “Gli ho fatto male, gli ho fatto molto male. Penso di averlo ucciso”. L’81enne, nel frattempo lasciato solo in casa, è stato successivamente soccorso dai sanitari che lo hanno condotto d’urgenza in ospedale con il 36% del corpo ustionato e dove è deceduto cinque settimane dopo tra atroci sofferenze. In un primo momento la moglie era stata accusata di lesioni personali gravi, poco dopo la morte di suo marito è stata invece accusata formalmente di omicidio. Per l’accusa a scaturire l’aggressione sarebbe stata una lite iniziata nel pomeriggio mentre l’uomo era a fare shopping con una figlia avuta da una precedente relazione. Al suo ritorno però, la moglie avrebbe deciso di mettere in atto il suo piano diabolico mettendo a bollire dell’acqua con lo zucchero e restando in attesa che il marito dormisse per poter agire.



© RIPRODUZIONE RISERVATA