David Amess, deputato Tory ucciso a coltellate in Chiesa/ “E’ terrorismo islamico”

- Carmine Massimo Balsamo

Arrivano novità importanti in merito all’assassinio di David Amess, il deputato Tory ucciso ieri a coltellate: per la polizia britannica si tratta di terrorismo

David Amess
(Sky News)

L’assassinio del deputato Tory, David Amess, è stato portato a termine molto probabilmente da parte di un terrorista legato al mondo islamico. Ad annunciarlo nella notte, attraverso un breve comunicato, è stata la polizia britannica: “I primi elementi dell’inchiesta – hanno fatto sapere le forze dell’ordine del Regno Unito, così come si legge sull’agenzia Ansa – hanno rivelato una matrice potenziale legata all’estremismo islamico”. Il parlamentare è stato ucciso ieri a coltellate durante un incontro con gli elettori nella sua circoscrizione in una chiesa nell’Essex, la Belfairs Methodist Church di Leigh-on-Sea.

Immediato l’intervento dei sanitari e delle forze dell’ordine, ma quando i soccorsi sono giunti sul posto era ormai troppo tardi. Il colpevole è stato subito arrestato, come ha fatto sapere attraverso una nota la polizia dell’Essex: “Un uomo di 25 anni è stato subito arrestato dagli ufficiali arrivati sul luogo dell’aggressione”, aggiungendo che “l’uomo è ora in custodia” e che “è stato recuperato un coltello”. Il ragazzo fermato è un cittadino britannico ma originario della Somalia, ed ha colpito con un coltello ripetutamente David Amess fino ad ucciderlo. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

DAVID AMESS, DEPUTATO UK UCCISO A COLTELLATE IN CHIESA INDAGA L’ANTITERRORISMO

Arrivano nuovi aggiornamenti sull’omicidio di David Amess, il deputato 69enne ucciso in Regno Unito. Come vi abbiamo raccontato, il politico è stato accoltellato da uno sconosciuto, un 25enne, e non è ancora chiara la dinamica dei fatti. Secondo quanto riportato dai colleghi di Sky Tg24, sul caso sta indagando l’antiterrorismo.

Per commemorare David Amess, a Downing Street le bandiere sono a mezz’asta. Politici di ogni schieramento hanno espresso vicinanza alla famiglia e ai cari del 69enne. Il primo ministro Boris Johnson è rientrato a Londra dopo una riunione del governo a Bristol. «Sono scioccato», le parole del leader dei conservatori, per la scomparsa «di un amico e di un uomo gentile». (Aggiornamento di MB)

Omicidio David Amess, movente ignoto

Dramma in Regno Unito: il deputato conservatore David Amess è stato ucciso a coltellate. L’assalto è avvenuto all’interno di una chiesa metodista di Belfairs a Leigh-on-Sea, nella quale il parlamentare britannica stava incontrando gli elettori della sua circoscrizione elettorale. Il 69enne è deceduto nonostante il repentino intervento delle forze sanitarie.

Secondo quanto riportato dai colleghi di Sky News, l’aggressore è entrato nell’ufficio di David Amess e lo ha colpito con diverse coltellate. Il killer è stato subito individuato e fermato dalle forze dell’ordine, al momento non è stata resa nota la sua identità. Ignoto anche il movente dell’agguato: non è stata esclusa nessuna pista, compresa quella del terrorismo.

UK, deputato David Amess ucciso a coltellate in chiesa

La polizia ha confermato in una nota di aver arrestato e portato in caserma il killer di David Amess: l’arma del delitto è stata rinvenuta e non sono in corso ricerche per eventuali complici. La vittima, deputato dal 1983, lascia una moglie e cinque figli. La sua carriera politica lo ha visto tra le fila dei Tory ed ha portato avanti battaglie importanti contro l’aborto e per il benessere degli animali.

Ricordiamo che nel 2016 fu uccisa in un attacco analogo Jo Cox, deputata laburista. La Jo Cox Foundation, istituita in sua memoria, ha espresso vicinanza alla famiglia di David Amess: «Siamo inorriditi dalla notizia dell’attacco». Tanti i messaggi di cordoglio per il tragico omicidio, queste le parole del premier gallese Mark Drakeford: «Sono profondamente addolorato nell’apprendere della morte di Sir David Amess. Un atto davvero spregevole e orribile. I miei pensieri sono con i suoi amici, la famiglia e il personale elettorale».



© RIPRODUZIONE RISERVATA