ULTIME NOTIZIE/ Ultim’ora di oggi. Furia Di Maio contro Whirlpool (4 giugno 2019)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie, ultim’ora di oggi. Luigi Di Maio contro la Whirlpool “Non ci prenda per il culo” (4 giugno 2019)

m5s
Luigi Di Maio (LaPresse)

Non le manda a dire alla Whirlpool il ministro del lavoro e dello sviluppo economico, Luigi Di Maio. In occasione della discussione al tavolo di crisi aperto al Mise, proprio sul futuro dello stabilimento di Napoli della nota azienda di cui sopra, il capo politico del Movimento 5 Stelle ha affermato: «Non si prende per il culo lo Stato italiano. Non con me, non con questo governo». Secondo quanto riportato da La Stampa, apprendendo la notizia da fonti sindacali presenti all’incontro, lo stato avrebbe concesso a Whirlpool dal 2014 ad oggi, ben 27 milioni di euro di fondi pubblici. «Lo Stato si farà rispettare – ha aggiunto e proseguito Di Maio – si sono firmati accordi ben precisi, state creando un precedente gravissimo. Dovete rispettare istituzioni e lavoratori. Io sono e sempre sarò al loro fianco. Siamo disposti a impegnarci ancora di più con l’azienda per trovare una soluzione». Sotto gli uffici del Mise, manifestazione dei 300 lavoratori della multinazionale americana: «Napoli non molla, Napoli non molla». Sono 430 i dipendenti a rischio, che potrebbero arrivare ad 800 tenendo conto dell’indotto. L’ad dell’azienda, Luigi La Murgia, ha spiegato: «Non vogliamo chiudere ma individuare soluzioni per garantire posti di lavoro sostenibili a lungo tempo. Oggi una soluzione non l’abbiamo». (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie, sblocca cantieri: fumata bianca

Si è finalmente sbloccato il decreto “sblocca cantieri”. Dopo le ultime ore di tensione e il richiamo di ieri da parte di Giuseppe Conte ai suoi due vice, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, alla fine è giunta la fatidica fumata bianca. Come detto in apertura, si è mosso in prima persona il presidente del consiglio, che in mattinata aveva lanciato un appello alla Lega: «Il tempo è poco – le sue parole riportate dall’edizione online di Repubblica – mi raccomando. Il super-emendamento che rimette in discussione tutto un impianto cui abbiamo lavorato per mesi con gli amici della Lega raccogliendo tutte le istanze degli operatori e stake-holder rischia di creare un caos». All’ora di pranzo è quindi giunta la notizia tanto attesa dell’intesa, con le parole dei due capigruppo al Senato, Romeo (Carroccio) e Patuanelli (M5s): «Dopo esserci confrontati anche con i relatori, proporremo al Senato, tra le altre cose, quanto già concordato in sede di commissione, vale a dire un emendamento che prevede la sospensione di alcuni punti rilevanti del codice degli appalti per due anni, in attesa di una nuova definizione delle regole per liberare da inutile burocrazia le imprese. In particolare saranno anche garantite le soglie già in vigore per i subappalti e salvaguardati gli obblighi di sicurezza per le imprese». Domani in aula al Senato si voterà il provvedimento, ormai è tutto pronto per lo “sblocca cantieri”. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie, Battisti: ricorso contro ergastolo

Non ci stanno i legali di Cesare Battisti, ed hanno deciso di presentare ricorso in Cassazione nei confronti della sentenza della corte d’appello d’assise, che aveva condannato l’ex terrorista del Pac all’ergastolo. Secondo l’avvocato Davide Steccanella, il proprio assistito non può rimanere in carcere a vita in quanto devono essere validi gli accordi di estrazione fra Italia e il Brasile, e nel paese sudamericano in questione non esiste l’ergastolo. Di conseguenza, la sentenza deve essere modificata, e derubricata in 30 anni di carcere. Tutto nelle mani dei giudici della corte suprema, che dovranno cercare di capire se l’accordo di estradizione del 2017 sia valido, quindi ha ragione la difesa, oppure, se quanto deciso dalla corte d’appello non faccia una grinza. Secondo la procura, quanto richiesto dai legali dell’ex terrorista di sinistra non può essere applicato, in quanto Battisti non è stato catturato in Brasile bensì in Bolivia, dove lo stesso era tra l’altro entrato illegalmente. Non ci resta che attendere la sentenza. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie, Salvini dà 15 giorni al governo Conte

Il giorno dopo la conferenza stampa in cui il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte avvisa chiaramente Lega e Movimento 5 Stelle (“Non sono qui a vivacchiare, bisogna essere  sobri nelle parole ed operosi nei fatti. Le freddure e le provocazioni degli ultimi tempi non permettono al Governo di lavorare”) non sembra essere mutato il clima all’interno del governo. Sentito questa mattina da Rtl 102.5, Matteo Salvini ha risposto:”Non ho alcuna intenzione di fare cadere il governo. La mia volontà c’è, ma se mi dovessi accorgere che tra 15 giorni ci ritroviamo qui a dirci le stesse cose, con gli stessi ritardi e gli stessi rinvii, allora sarebbe un problema”.  Una sorta di contro-ultimatum di Salvini a quello di Giuseppe Conte, che ieri si era detto pronto a rimettere il suo mandato nelle mani del Presidente della Repubblica qualora alla sua conferenza stampa non fosse seguita una distensione tra le due anime del governo.

Ultime notizie, Donald Trump a Londra

Donald Trump con la moglie Melania sono giunti ieri a Londra per una visita di tre giorni. La coppia presidenziale è stata ricevuta dal principe Carlo e consorte a Buckingham Palace, a seguire un pranzo con la regina Elisabetta. Per domani nella capitale inglese è in programma una manifestazione anti-Trump alla quale è prevista una massiccia partecipazione. Dopo l’ennesimo incidente avvenuto ieri tra una nave da crociera e un battello turistico a Venezia sale nuovamente alla ribalta il problema dell’accesso in laguna delle grandi navi. Dopo anni d’inerzia e polemiche tra i governi e le amministrazioni comunali precedenti, il ministro dei trasporti e delle infrastrutture Toninelli promette un progetto serio entro giugno che possa regolamentare l’ingresso delle navi da crociera, salvaguardando la sicurezza e l’incolumità di tutti.

Ultime notizie, Giornata Mondiale della Bicicletta

Ieri è stata la Giornata Mondiale della Bicicletta e tra le città italiane la palma di comune più attento alle due ruote è assegnata certamente a Ferrara. La città emiliana detiene il record tricolore di bici: sono addirittura 120.000 a fronte dei 180.000 abitanti. Un esempio notevole di civiltà e movimento ecosostenibile. Carenza di medici nella regione Molise, per ovviare alla mancanza cronica dei camici bianchi si pensa di utilizzare nei nosocomi civili i dottori specialisti militari almeno fino allo svolgimento di un concorso urgente.

Ultime notizie, 25 anni fa moriva il grande Massimo Troisi

25 anni fa moriva il grande Massimo Troisi, regista ed attore di altissimo livello. Troisi era una maschera universale di comicità capace di far ridere e di commuovere allo stesso tempo. Tantissimi i suoi film di spessore che ha lasciato in eredità.
Ennesimo grande riconoscimento in arrivo per il cinema italiano, infatti il 27 ottobre prossimo verrà premiata la regista Lina Wertmuller con la consegna di un meritatissimo Oscar alla carriera.

Ultime notizie, Sarri o Guardiola? Continuano i dubbi

Pare che il calciomercato italiano sia bloccato attorno a due nomi e a una squadra, chi sarà il nuovo allenatore della Juventus? Si pensava il mistero potesse essere rivelato ieri, ma le cose non sono andate come ci si aspettava. Il dubbio è sempre quello tra Maurizio Sarri e Pep Guardiola con due e vere proprie scuole di pensiero che continuano a darsi lotta. C’è chi parla del tecnico del Chelsea ormai praticamente pronto a firmare, mentre dall’altra parte c’è chi è convinto che il catalano del Manchester City abbia un accordo addirittura da marzo. Sarà oggi il giorno buono?

© RIPRODUZIONE RISERVATA