Ultime notizie/ Ultim’ora oggi: Papa Francesco al Governo “liberare pescatori Libia”

- Dario D'Angelo

Ultime notizie di oggi, ultim’ora 18 ototbre: le novità sul coronavirus in Italia. Papa Francesco “ora liberare i pescatori in Libia, preghiamo per loro”

Papa Francesco Angelus lapresse 2020 640x300
Papa Francesco durante l'Angelus (Foto LaPresse)

Al termine dell’Angelus da Piazza San Pietro, Papa Francesco ha lanciato un appello alle autorità italiane e libiche per la situazione ignobile dei pescatori da oltre un mese bloccati in Libia: «Desidero rivolgere una parola di incoraggiamento e di sostegno ai pescatori di Mazara del Vallo fermati da più di un mese in Libia e ai loro familiari. Affidandosi a Maria Stella del mare mantengano viva la speranza di poter riabbracciare presto i loro cari. Preghiamo in silenzio per i pescatori e per la Libia». Nei saluti finali dopo la recita dell’Angelus il Santo Padre ha salutato con gioia la liberazione di Padre Pier Luigi Maccalli dopo 2 anni di sequestro in Niger: «Desidero ringraziare Dio per la tanto attesa liberazione di padre Pier Luigi Maccalli. Ci rallegriamo anche perché con lui sono stati liberati altri tre ostaggi. Preghiamo per i missionari e per i catechisti e anche per quanti vengono perseguitati o vengono rapiti in varie parti del mondo». Durante invece il commento al Vangelo del giorno, il Papa ribadisce il concetto «Le tasse vanno pagate, pagare le tasse è un dovere dei cittadini, come anche l’osservanza delle leggi giuste dello Stato. Al tempo stesso, è necessario affermare il primato di Dio nella vita umana e nella storia, rispettando il diritto di Dio su ciò che gli appartiene». Da questo deriva la missione della Chiesa e dei cristiani: «parlare di Dio e testimoniarlo agli uomini e alle donne del proprio tempo».

Ultime notizie, i numeri del Covid ieri in Italia

Ultime notizie: si conferma l’aumento dei contagi anche nell’ultimo bollettino del Ministero della Salute. Nella giornata di sabato 17 ottobre sono stati 10.925 i nuovi casi di coronavirus riportati in Italia, con un aumento anche rispetto a venerdì, quando per la prima volta erano stati oltre 10mila. Oggi si è stabilito anche il nuovo record per quanto riguarda i tamponi eseguiti, arrivati a quota 165.837, con un aumento rispetto a venerdì di 15.460. L’incremento più preoccupante è però quello che segna +67 ricoveri in terapia intensiva. I nuovi decessi registrati nelle ultime 24 ore sono 47. Le persone guarite sono state 1.255. Tra le regioni la Lombardia continua ad essere la più colpita con 2664 casi giornalieri, ed anche la Campania è in salita con 1.410. Lazio, 994 casi, Piemonte 972 e Toscana con 879 sono quelle che seguono nel conteggio dei nuovi casi.

ULTIME NOTIZIE: ANCHE LA CAMERA DEI DEPUTATI DIVENTA UN FOCOLAIO

Anche il Parlamento, e in particolare la Camera dei Deputati, diventa un focolaio di coronavirus, motivo per cui la votazione della legge sull’omofobia è stata rinviata. Dopo i tre capigruppo dei quali si era avuto notizia nei giorni scorsi, sono risultati positivi altri deputati: Maurizio Lupi di Noi con l’Italia, Diego Sozzani e Federica Zanella di Forza Italia,l’ex grillina Ermellino ora nel Gruppo Misto ed il leghista Zoffili sono gli ultimi in ordine di tempo. A lanciare l’allarme per la funzionalità del Parlamento è stato Stefano Ceccanti, costituzionalista e capogruppo del Partito democratico in commissione Affari costituzionali della Camera, che su Facebook ha dichiarato: “Sul Parlamento in emergenza stiamo arrivando al punto di non ritorno oltre il quale l’istituzione non potrà più funzionare”. Lo stesso Ceccanti è il primo firmatario della proposta per regolamentare il lavoro da remoto dei parlamentari già sottoscritto da 114 deputati.

ULTIME NOTIZIE, AL MILAN IL DERBY DELLA MADONNINA

Va al Milan il Derby della Madonnina valido per la quarta giornata di Serie A contro l’Inter. Una doppietta di Zlatan Ibrahimovic stende la squadra di Antonio Conte e proietta i rossoneri in vetta alla classifica del campionato a punteggio pieno. Nel primo pomeriggio era stato un altro ex Diavolo, Rino Gattuso, ad impressionare con il suo Napoli: i partenopei travolgono a sorpresa (quanto meno rispetto al gap messo in mostra) l’Atalanta di Gian Piero Gasperini: 4 a 1 il risultato finale al San Paolo, ma il passivo per gli orobici avrebbe potuto essere ben più pesante sotto i colpi di Osimhen e Lozano. Nell’altro anticipo delle 18 la Sampdoria batte per 3 a 0 una Lazio brutta copia di sé stessa mentre nell’appuntamento serale allo Scida contro il Crotone una brutta Juventus impatta 1 a 1 contro i calabresi e perde ancora terreno in classifica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA