ULTIME NOTIZIE/ Ultim’ora, oggi Alitalia: prestito 400 mln, gara entro maggio 2020

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie, ultim’ora oggi. Alitalia, prestito ponte da 400 mln in CdM: nuova gara entro maggio 2020 (2 dicembre 2019)

Alitalia_nastro_lapresse
Lapresse

ULTIME NOTIZIE ALITALIA: PRESTITO PONTE DA 400 MLN

Dopo il fallimento definitivo della cordata privata in grado di rilevare l’Alitalia, come promesso dal Governo negli scorsi giorni è in arrivo lo sblocco in sede di Governo del prestito ponte da 400 milioni di euro per permettere la sopravvivenza dell’ex compagnia di bandiera in attesa dell’iter che prevede o una nuova gara tra privati, oppure una soluzione che si avvicina alla nazionalizzazione. Come conferma l’Agenzia Ansa, questa sera in Consiglio dei Ministri potrebbe arrivare il decreto ad hoc per consentire trasferimento dei complessi aziendali facenti capo ad Alitalia, facendo leva sulle risorse già stanziate con il decreto fiscale (che da ieri sera ha visto l’ok in Commissione Finanze e l’approdo in Aula nei prossimi giorni di tutti gli emendamenti con bollino verde). Nella bozza, riporta sempre l’Ansa, si prevede che il governo indichi una nuova procedura di cessione di Alitalia entro il termine del 31 maggio 2020 per l’espletamento, da parte dei commissari straordinari, delle «procedure necessarie per pervenire al trasferimento dei complessi aziendali di Alitalia Sai e Alitalia Cityliner in amministrazione straordinaria». Dopo i 900 milioni del primo prestito ponte – sul quale tra l’altro pende l’indagine della Ue in corso – sono rimasti nelle casse di Alitalia al 31 ottobre scorso solo 315 milioni, con la compagnia che perde di fatto circa un milione di euro al giorno. (agg. di Niccolò Magnani)

DL FISCO ULTIME NOTIZIE: OK A NORME SU CARCERE GRANDI EVASORI

Dopo una nottata impegnativa preceduta da 14 ore di seduta, è arrivato il via libera della commissione Finanze della Camera al Dl fisco. Nel corso della seduta, spiega Il Sole 24 Ore, si sarebbe verificata anche una frattura nella maggioranza in merito alle correzioni al testo relativamente all’inasprimento delle sanzioni penali per i reati tribunari. Tale provvedimento sarà nuovamente esaminato nella giornata di domani dall’Assemblea di Montecitorio. Numerose le modifiche approvate nella notte: dall’Iva sigli assorbenti alle multe per la mancanza dei seggiolini antiabbandono, dall’annullamento delle multe ai commercianti che non hanno il Pos agli straordinari di polizia e vigili del fuoco. Il nodo più difficile e che ha provocato la frattura, quello relativo al carcere per i grandi evasori. Ciò ha significato l’innalzamento complessivo delle pene, divenuto meno consistente per i reati minori. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

Ultime notizie, libertà vigilata per 70 detenuti

Le ultime notizie tornano indietro a sabato intorno alle 14 ora locale l’aggressore di Londra, Usman Khan, immobilizzato dalle forze dell’ordine e poi freddato, aveva addosso una cintura esplosiva ancora in fase di preparazione . Nonostante fosse stato condannato per terrorismo era in libertà vigilata con l’obbligo del braccialetto elettronico. Dopo l’azione criminale la rivendicazione dell’attentato è arrivata dall’ Isis. Il capo di Scotland Yard, Cressida Dick ha specificato che l’attacco è stato un fatto isolato. Le indagini continuano per avere la sicurezza Khan abbia colpito da solo. Il ministero della Giustizia britannico sta rivendendo i benefici della libertà vigilata. Più di 70 detenuti potrebbero non ricevere più tale beneficio. La Bbc ed alcuni media londinesi hanno dato la notizia dell’intenzione del governo britannico di adottare misure restrittive più severe a carico dei detenuti. L’opposizione Labour di Jeremy Corbyn ha subito contestato le manovre del governo britannico. Sin dalla giornata di ieri Boris Johnson, durante la sua visita presso il luogo dell’attacco, aveva garantito la stabilità della pena per tutti i detenuti ritenuti più temibili pericolosi per la società.

Ultime notizie, Papa Francesco contro il consumismo

Presso la Basilica di San Pietro Papa Bergoglio per la comunità cattolica congolese ha espresso il pericolo del consumismo, un male che svilisce la fede. La vita non è fatta solo di cose materiali. L’esistenza umana è fatta di incontri, con Dio e con il prossimo. Secondo il papa le abitazioni si stanno riempiendo di oggetti inutili, svuotando contestualmente la presenza dei figli. Il vero dramma, aggiunge papa Francesco, è la mancanza di tempo per Dio. Per il sommo pontefice spetta alla famiglia saper vigilare per contrastare ogni forma di tentazione del male. E’ con la preghiera che si può scoprire l’inganno delle cose materiali. E’ necessario opporsi alle luci accecanti degli sprechi “brilleranno ovunque in questo mese”. Credere nella preghiera come mezzo per la salvezza umana.

Ultime notizie, disinnescata bomba a Torino

E’ terminata la fase di disinnesto di un esplosivo bellico appartenente alla Seconda Guerra Mondiale a Torino. La bomba, dopo essere stata resa inoffensiva da parte del trentaduesimo Reggimento Genio della Brigata Alpina Taurinese, è stata trasportata per mezzo di una gru su di un autocarro e poi fatta brillare presso la cava di Cirié. La popolazione della zona è stata fatta evacuare durante l’intervento dei militari. Nel pomeriggio tutti i residenti del quartiere di San Salvario e di Crocetta sono tornati alle loro abitazioni. Anche lo spazio aereo del centro storico era stato chiuso per motivi di sicurezza. Le operazioni di evacuazione della zona interessata hanno avuto dei leggeri ritardi a causa di alcune persone presenti nella zona interessata oltre l’orario prefissato. Il sindaco di Torino e il sottosegretario di Stato alla Difesa hanno seguito attentamente le operazioni di disinnesco.

Ultime notizie Serie A, l’Inter supera la Juventus

La domenica di Serie A regala delle sorprese con lo stop inatteso della Juventus tra le mura amiche contro il Sassuolo. Alle 12.30 i bianconeri di un opaco Cristiano Ronaldo impattano 2-2 contro la fantasiosa squadra di Roberto De Zerbi, lasciando il passo all’Inter. Antonio Conte non sbaglia e superando 2-1 la Spal a San Siro torna primo. Il Milan anche torna alla vittoria grazie a una rete nel finale di Theo Hernandez, mentre la Lazio è sempre più terza grazie al 3-0 firmato Immobile-Luis Alberto contro l’Udinese. E’ crisi nera per il Napoli di Ancelotti che cade tra le mura amiche contro il Bologna. Mentre vince a Verona la Roma per 2-1 grazie a un rigore di Diego Perotti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA