Ultime notizie/ Ultim’ora oggi, Bundesbank: “Germania in recessione” (21 ottobre)

- Silvana Palazzo

Ultime notizie, ultim’ora oggi. Incendio nel centro di Torino, a fuoco la Cavallerizza Reale. Germania in recessione secondo la Bundesbank.

ultime notizie
Immagine di repertorio - Lapresse

Brutte notizie per la Germania: secondo la Bundesbank, l’economia tedesca potrebbe essere entrata in recessione. La Banca centrale della Repubblica Federale di Germania ha evidenziato in una nota che il prodotto interno lordo potrebbe essersi ridotto nuovamente nel terzo trimestre del 2019. Dopo il -0,1% del secondo trimestre, l’export della Germania continua a fare fatica e gli indicatori di fiducia non promettono una svolta immediata. La stessa Bundesbank sottolinea che non è in vista una recessione nel senso di un significativo, ampio e durevole declino della produzione. Uno dei segnali più preoccupazioni, come dicevamo, è la debolezza delle esportazioni, «una continua flessione». (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

Ultime notizie, Torino: incendio alla Cavallerizza Reale

Gravissimo incendio in corso in quel di Torino: come comunicato da tutti i principali quotidiani online in questi ultimi minuti, sta andando a fuoco la Cavallerizza Reale, nel centro del capoluogo piemontese. Il complesso architettonico situato nei pressi di via Po, riconosciuto patrimonio dell’Unesco, sta bruciando dall’alba di oggi, lunedì 21 ottobre, e i vigili del fuoco sono al lavoro per spegnere le fiamme. In base a quanto emerso, starebbe bruciando una parte della struttura di via Rossini, strada che è stata successivamente chiusa al traffico per meglio consentire l’arrivo dei vigili del fuoco e favorire le operazioni di spegnimento dell’incendio. Lo stabile è occupato da anni da collettivi ed era già stato vittima di un incendio anni fa. Al momento non sembrerebbero esservi notizie di persone coinvolte, mentre non sono ancora chiare le cause dell’incendio. Sul posto vi sono cinque squadre dei vigili del fuoco. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie: carceri per grandi evasori in Cdm

Oggi in Consiglio dei ministri sarà portato il pacchetto sul carcere per i grandi evasori per la parte che riguarda il decreto fiscale. Lo ha annunciato ieri il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, spiegando che è pronto. «Dobbiamo ancora decidere quale parte far entrare subito e quale in sede di conversione e comunque entro 60 giorni», ha spiegato il Guardasigilli. Non è ancora chiaro se entrerà infatti tutto nel decreto fiscale. «Potrebbe infatti entrare anche nell’emendamento e quindi in corsa, in sede di conversione». Quel che conta per Bonafede è che oggi ci sia il pacchetto sul carcere e la confisca per sproporzione per i grandi evasori. Il ministro della Giustizia non ha però svelato quale sarà la soglia oltre la quale scatterà il carcere per i grandi evasori, eppure ha fornito una cifra. «Ci stiamo orientando per individuarne una che dovrebbe essere intorno ai 100 mila euro». Il Guardasigilli ha spiegato anche che il messaggio «è che si deve avere rispetto per le persone oneste. La stragrande maggioranza degli italiani paga le tasse onestamente e per pagarle di meno dobbiamo pagarle tutti».

Ultime notizie: elezioni in Svizzera, onda verde in Parlamento

Un’onda verde travolge la Svizzera: alle elezioni hanno vinto i partiti ambientalisti. Secondo i risultati ancora parziali, i Verdi conquistano una storica vittoria al Consiglio nazionale, diventando il quarto partito svizzero a scapito dei popolari democratici (Ppd) che sono scesi in quinta posizione. Calano i tre principali schieramenti politici, in particolare la destra nazionalista (Udc) che però resta il primo partito, ma anche i liberali-radicali (Plr) e i socialisti (Ps). Quella dei Verdi al 13 per cento è una vittoria senza precedenti che potrebbe avere risvolti anche sulla composizione del governo, storicamente composto dall’insieme delle principali forze politiche. I Verdi otterrebbero 26 seggi al Consiglio nazionale, composto da 200 seggi. Le proiezioni indicano che l’Udc resta saldamente il primo partito, ma scende al 25,8 per cento.

Ultime notizie: Siria, forze curde completano ritiro da Ras al Ayn

Il ritiro dei combattenti curdi siriani dalla frontiera con la Turchia è cominciato. I miliziani dello Ypg hanno abbandonato Ras al Ayn nel terzo dei cinque giorni di tregua concordati da Ankara con gli Stati Uniti. Il ritiro verso Tal Tamer a sud è stato confermato anche dalla Turchia e dall’Osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus). I combattenti starebbero arretrando di circa 30 chilometri, ai confini della zona di sicurezza designata dall’accordo tra Turchia e Stati Uniti. E il presidente americano Donald Trump ha commentato: «Il cessate il fuoco sta tenendo molto bene». È stato anche aperto il corridoio umanitario per permettere l’evacuazione dei civili e dei feriti, sbloccando così l’impasse mentre si avvicina la scadenza del cessate il fuoco. Cresce l’attesa intanto per l’incontro di domani tra Erdogan e Putin a Sochi, dove si discuterà delle altre zone contese nel nord della Siria, tra cui Kobane e Manbij, in mano a Mosca e Damasco.

Ultime notizie: Brexit, Ue pronta a concedere una proroga fino a febbraio 2020

L’Unione europea potrebbe concedere una proroga fino a febbraio 2020 alla Gran Bretagna in caso di mancato accordo entro questa settimana. La notizia è riportata dal Sunday Times, che cita fonti diplomatiche. I funzionari a Bruxelles stanno lavorando ai piani per ratificare l’accordo di divorzio, intanto i leader europei valutano la richiesta arrivata da Londra. Il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk ha dato formalmente il via libera alle consultazioni con i leader. Se Johnson ottenesse il via libera dei Comuni, potrebbe esserci un vertice straordinario dei leader il 28 ottobre. Se il premier britannico riuscisse a convincere il Parlamento, i leader potrebbero concordare questa proroga fino a febbraio. Di sicuro siamo entrati in una fase cruciale. Il cancelliere per la pianificazione della Brexit, nonché numero due del governo, Michael Gove, ha spiegato che c’è la possibilità che la Gran Bretagna lasci l’Ue senza un accordo e annunciato che il governo si sta preparando ad avviare la fase successiva del piano “Operazione Yellowhammer”, che prepara il Paese al No Deal.

Ultime notizie: Serie A, Calderoni rovina debutto di Pioli

Comincia con una prestazione deludente l’avventura di Stefano Pioli sulla panchina del Milan. La squadra rossonera a San Siro non va oltre il pareggio con il Lecce. Un pareggio beffardo tra l’altro, perché il 2 a 2 contro i pugliesi è arrivato nei minuti di recupero. Ad aprire le marcature Calhanoglu al 20′. Lui il migliore in campo per i rossoneri. Nel secondo tempo il Lecce ha trovato il gol del pareggio con Babacar. L’attaccante è stato lesto nell’insaccare in rete dopo essersi fatto parare il rigore da Donnarumma al 62′. I tifosi del Milan sono esplosi di gioia all’81’, quando si è sbloccato Piatek su azione. Il Milan ha pensato così di avere i tre punti in tasca, ma non aveva evidentemente fatto i conti con la caparbietà della squadra salentina. Alla fine è arrivata la beffa, nello specifico al 92′ con una botta di Calderoni che ha riportato il Diavolo all’inferno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA