Ultime notizie/ Ultim’ora oggi, Isis: scelto successore al-Baghdadi? (28 ottobre)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie, ultim’ora oggi. Scelto il successore di al-Baghdadi alla guida dell’Isis? Si tratterebbe di un ex militare (28 ottobre 2019)

strage cristiani nigeria
Al Baghdadi, ex califfo dell'Isis (Foto Twitter: Site)
Pubblicità

Dopo la notizia della morte di Abu Bakr al-Baghdadi, si parla già del successore alla guida dell’Isis e il nome finora emerso, secondo Newsweek, è quello di Abdullah Qardash. Secondo alcune fonti, quest’ultimo sarebbe stato scelto proprio dall’ex capo dell’Isis lo scorso agosto anche se sul suo conto al momento non si conosce molto. Si sa solo che in passato Qardash sarebbe stato un ex militare dell’Iraq che ha servito sotto Saddam Hussein. Robert Baer, ex operativo della Cia, esperto di Medio oriente e terrorismo, al quotidiano La Stampa ha tuttavia spiegato che indipendentemente dal nome il successore di al Baghdadi “sarà sicuramente qualcuno più efficace e pragmatico, o forse più razionale”. A suo dire, “Le atrocità compiute da Al Baghdadi hanno reso lo Stato islamico inaccettabile per la stragrande maggioranza de musulmani, anche per alcuni di quelli allineati su posizioni più radicali”. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

Pubblicità

Elezioni Argentina: Fernandez nuovo presidente

E’ Alberto Fernandez il nuovo presidente dell’Argentina. Il candidato del centrosinistra è stato eletto con il 48% dei voti, superando il capo di stato uscente, Mauricio Macrì, che si è invece fermato al 40%. Una lotta serrata quindi, ma alla fine l’ex presidente è stato sconfitto anche per via della perdita di popolarità dovuta alla grave crisi economica che ha colpito la nazione sudamericana negli ultimi tempi. Macrì ha ammesso la sconfitta invitando Fernandez ad una colazione di lavoro, mentre il neo-presidente ha ringraziato tutto il popolo argentino, ed in particolare coloro che vorranno costruire “una Argentina solidale, egualitaria, che difende l’educazione pubblica, la salute, che privilegia quelli che producono, quelli che lavorano”. L’Argentina sta vivendo la più grave crisi economica dal 2001 con l’inflazione al 37.3%, un tasso di povertà pari al 35.4%, e un debito ingente. “Deve iniziare un periodo di transizione ordinato che porti la pace a tutti gli argentini”, ha aggiunto Macrì. Fernandez si insedierà il 10 dicembre. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Pubblicità

Ultime notizie, elezioni Umbria: centrodestra sconfitto

Ultime notizie, elezioni Umbria: risultati, stravince Donatella Tesei

Elezioni Regionali Umbria 2019, netta vittoria per il Centrodestra: la candidata Donatella Tesei si è affermata con oltre il 58%, staccando di 20 punti percentuali Vincenzo Bianconi, candidato di M5s e Pd. Grande soddisfazione in casa Cdx, con la Lega che raggiunge un traguardo storico sfiorando il 40%. Doppia cifra per Fratelli d’Italia, che supera il Movimento 5 Stelle e diventa il terzo partito regionale alle spalle del Pd. «Ci sono 20-25 punti percentuali di distacco, questo Governo rappresenta una minoranza degli italiani: è un voto locale che però ha valenza nazionale», il messaggio di Matteo Salvini, con la candidata Tesei che ha espresso entusiasmo per il risultato raggiunto e si è detta pronta a tuffarsi nel lavoro. Delusione per i partiti di Governo: il M5s ha annunciato la fine dell’esperimento “patto civico” con gli alleati dem. Bianconi ha brevemente commentato in conferenza stampa: «Non staremo all’opposizione, ma alla proposizione. Voglio raccontare ai miei figli che ci sono battaglie che vanno combattute anche quando sai che le possibilità di vittorie sono basse, ma quando vale la pena battersi bisogna scendere in campo e lottare».

Ultime notizie: morto Al Baghdadi

In primo piano la morte di Al Baghdadi, il califfo del terrore che nel lontano 2014 si era autoproclamato il califfo dell’Isis. Si è trattato di un blitz top secret, portato avanti dalle forze segrete da diversi mesi. Come ha riferito il presidente americano Donald Trump, l’uccisione di Al Baghdadi rappresenta la morte di un simbolo del terrore, uno degli uomini più ricercati al mondo che sembra esser stato tradito proprio da una delle sue mogli la quale ha messo sulle sue tracce gli agenti della CIA. Al Baghdadi si trovava nel nord ovest della Siria: al momento del blitz ha cercato la fuga tramite una galleria sotterranea per poi farsi esplodere insieme a tre dei suoi figli, morti insieme a lui. Un grande risultato per il mondo intero che da oggi è un posto più sicuro.

Ultime notizie, Elezioni Regionali Umbria, boom di affluenza

La politica italiana guarda con attenzione ai risultati che saranno resi noti nella notte relativamente alle elezioni regionali che si sono svolte fino alle 23 in Umbria. Ad essere chiamati alle urne sono solo 700 mila elettori che dovranno scegliere il governatore e la giunta regionale tra gli otto candidati, 6 uomini e 2 donne. Il dato che subito salta agli occhi è quello relativo all’affluenza: alle ore 19 la percentuale di votanti è stata pari al 52,80% degli aventi diritto, un 13% in più rispetto ai risultati delle regionali del 2015.

Ultime notizie, 160 tavoli della crisi, cresce l’economia verde

In queste ore si affronta il problema della crisi che vede coinvolti ben 200mila lavoratori. Ma occorre parlare anche di altri 70 mila lavoratori che lavorano nell’indotto, ovvero in tutte quelle società facenti parte nel ciclo produttivo di società più grandi, come le aziende di pulizia e di manutenzione. In questo scenario di crisi c’è solo un settore che registra risultati positivi ed è quello dell’economia verde che coinvolge al momento 3 milioni di persone, ma tali numeri non sono sufficienti a garantire il futuro dell’economia.

Ultime notizie, indagini su Anastasia, fidanzata di Luca Sacchi

A distanza di alcuni giorni dall’uccisione di Luca Sacchi, il giovane romano che ha perso la vita con un colpo di pistola alla nuca, restano ancora molte cose da capire circa il ruolo della fidanzata Anastasia. La ragazza ha dichiarato di esser stata colpita alla testa da una spranga e di aver avuto solo pochi spiccioli nello zainetto. Da alcune immagini video registrate dalle telecamere presenti per strada e dalle dichiarazioni dei testimoni pare che le cose siano andate diversamente: il referto medico dell’ospedale non ha rilevato lividi o segni che facciano pensare ad un colpo sul corpo della ragazza. Inoltre, alcuni testimoni dichiarano di aver visto nello zainetto rotoli di 20 euro e 50 euro per un totale di circa 2000 euro. Tutto porta a pensare che non si sia trattato di un semplice scippo, ma di qualcosa di più, probabilmente legato allo spaccio della droga. Sebbene Anastasia al momento non sia tra gli indagati, nelle prossime ore sarà sentita nuovamente dagli investigatori.

Ultime notizie, maestra denuncia abusi: punita dalla scuola

Nel pavese nel settembre 2018 una maestra delle scuole elementari ha cercato di aiutare e proteggere una sua alunna che quasi ogni giorno si recava a scuola con lividi ed episodi forti di pianto. L’insegnante ha scelto prima di rivolgersi alla preside e poi alla questura: proprio la direttrice della scuola l’ha sospesa per un giorno per aver violato il segreto d’ufficio e aver arrecato un danno di immagine alla scuola stessa, oltre a non retribuirle quel giorno di sospensione. Oggi si scopre che alla madre della bambina era stata tolta la potestà genitoriale e che il padre, sotto l’effetto dell’alcol, aveva l’abitudine di picchiare la bambina. A chi le chiede perchè si sia esposta in questo modo, la maestra risponde che ha semplicemente agito secondo coscienza.

Ultime notizie, frena anche il Napoli, Atalanta a valanga

La nona giornata di Serie A ha visto ancora una volta frenare il Napoli che non riesce ad andare oltre l’1-1 contro la Spal. La squadra partenopea non riesce ad approfittare dei pareggi di Juventus e Inter, anzi si allontana ancora di più in classifica dall’Atalanta che travolge l’Udinese con il risultato di 7-1, raggiungendo ben 28 gol in 9 partite. Fanno bene anche il Bologna che batte la Sampdoria di Ranieri per 2-1 e la Roma che vince contro il Milano per 2-1 grazie ai gol di Dzeko e Zaniolo. In serata, l’ultimo posticipo tra Fiorentina e Lazio termina 1-2 con i biancocelesti che passano in vantaggio prima con Correa e vengono raggiunti da Chiesa, la vittoria la regala Immobile nel finale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità