Ultime notizie/ Ultim’ora oggi coronavirus Cina: solo 3 nuovi casi in 24 ore

- Dario D'Angelo

Ultime notizie, ultim’ora oggi. La Cina ha registrato 3 nuovi contagi nelle ultime 24 ore, con l’epidemia che continua ad essere contenuta (24 maggio 2020)

Coronavirus Cina mensa lapresse 2020
Dalla Cina viene lanciato l'allarme sui rischi della seconda ondata di Coronavirus (Foto LaPresse)
Pubblicità

Le buone notizie circa l’epidemia da coronavirus continuano ad arrivare dalla Cina. Nelle ultime 24 ore si sono infatti registrati solamente tre casi di infezione, mentre 48 prima si era giunti al risultato di zero contagi, la prima volta da quando gli infetti sono stati rilevati. Dei tre nuovi pazienti da covid, uno riguarda una persona di Jilin infettatosi in casa, e due sono invece importati, uno a Shanghai e uno nel Guangdong. Le autorità cinesi hanno altresì individuato 36 asintomatici così come specificato dalla Commissione sanitaria nazionale. Da quando è scoppiata la pandemia il numero di infetti ha toccato quota 82.974, mentre i decessi sono sempre fermi da giorni a 4.634. Sale anche il numero di guariti, 78.261, mentre i pazienti attualmente ricoverati sono solamente 79. Per quanto riguarda i casi importati, i cosiddetti contagi di ritorno, sono 1.713, di cui 1.673 già guariti e 40 ancora in cura. Infine, da quando è iniziata la rilevazione dei contagiati senza sintomi, questi sono stati 371. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Pubblicità

Ultime notizie Palamara “mi scuso per chat su Salvini”

Ultime notizie: arrivano le scuse di Palamara dopo la pubblicazione delle intercettazioni in cui il magistrato si lasciava andare ad attacchi verbali nei confronti di Matteo Salvini. L’ex componente del Csm, ora indagato a Perugia per corruzione, ha scritto su Twitter: “Da Giovanni Falcone c’è solo da imparare, ogni giorno nella vita, ancora più quando si commettono errori. Quanto al senatore Salvini, avete ragione voi, quando si sbaglia bisogna ammetterlo ed io l’ho fatto, esprimendo il mio più profondo rammarico per le parole dette”. In una chat privata con il procuratore capo di Viterbo, Paolo Auriemma, Palamara aveva condiviso che Salvini aveva ragione sui migranti ma andava in ogni caso attaccato. Lo stesso magistrato definiva poi il leghista una “mer*a”.

Pubblicità

ULTIME NOTIZIE: 100MILA IMPRESE ARTIGIANE A RISCHIO CHIUSURA

Per undicimila imprese artigiane la fase 2 non è ancora iniziata. Potrebbero essere 100 mila, alla fine, quelle che non riusciranno a superare la crisi scatenata dall’epidemia. Numeri allarmanti quelli elaborati dalla Cgia di Mestre che, se confermati, rischierebbero di provocare una perdita in termini di posti di lavoro nell’ordine delle 300mila unità. Secondo la denuncia dell’associazione delle imprese artigiane, il 68% delle aziende artigiane lavora in perdita. Solo un italiano su 3 è tornato a fare acquisti e la crisi maggiore che queste aziende devono affrontare è la crisi di liquidità: ad oggi solo il 30% di esse ha ricevuto i finanziamenti promessi dal governo.

ULTIME NOTIZIE: 28 ANNI FA LA STRAGE DI CAPACI

Ventotto anni fa la strage di Capaci in cui trovarono la morte Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre agenti della loro scorta: Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. E’ stato un anniversario diverso a causa dell’emergenza Coronavirus: tante le lenzuola bianche appese ai balconi in ricordo dell’attentato mafioso al posto dei soliti cortei tra le strade della città. A parlare anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che in un messaggio dal Quirinale ha dichiarato: “I mafiosi, nel progettare l’assassinio dei due magistrati, non avevano previsto un aspetto decisivo: quel che avrebbe provocato nella società. Nella loro mentalità criminale, non avevano previsto che l’insegnamento di Falcone e di Borsellino, il loro esempio, i valori da loro manifestati, sarebbero sopravvissuti, rafforzandosi, oltre la loro morte: diffondendosi, trasmettendo aspirazione di libertà dal crimine, radicandosi nella coscienza e nell’affetto delle tante persone oneste”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità