ULTIME NOTIZIE/ Ultim’ora oggi Corea del Nord, nuovo test missilistico: 6° nel 2022

- Davide Giancristofaro Alberti

Ultime notizie, ultim’ora oggi. La Corea del Sud ha segnalato un nuovo test missilistico da parte della Corea del Nord: è già il sesto in questo nuovo anno

erbil
Missile (Foto: 2021, LaPresse)

La Corea del Nord continua i suoi test missilistici nonostante la comunità internazionale abbia chiesto alla stessa di bloccare gli esperimenti sui razzi. Come denunciato poco fa dalla vicina Corea del Sud, un proiettile non identificato sarebbe caduto nel mar del Giappone. A preoccupare i vari Paesi, il fatto che si tratta già del sesto test missilistico da parte di Pyongyang da quando è iniziato il 2022, di conseguenza, tenendo conto che oggi è il 27 gennaio, la media è stata di circa un esperimento ogni meno di cinque giorni.

L’ultima volta che la Corea del Nord aveva effettuato così tanti test nel giro di un mese, ricorda l’edizione online di RaiNews, è stato nel 2019, dopo che fallirono i negoziati tra il leader Kim Jong Un e l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Stando a quanto specificato dall’esercito di Seul, i missili sarebbero stati lanciati da Hamhung, città che si trova sulla costa orientale della Nord Corea, rivolta verso il mare. Secondo la Sud Corea si tratterebbe di razzi con una gittata di 190 chilometri. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie, fumata nera al Quirinale per il terzo giorno consecutivo

Ancora una fumata nera, un nulla di fatto, per l’elezione del presidente della Repubblica. Ieri si è tenuta alle ore 11:00 la terza giornata di votazioni ma le schede bianche sono state quelle più “votate” e nessuno ha raggiunto il quorum richiesto, superiore ai 600 voti (Mattarella ha preso 125 voti). Centrosinistra e centrodestra non sembrano per ora essersi accordati su nessun nome, e bisognerà capire se nelle prossime ore si farà la quadra o meno. Oggi intanto, quarta giornata di votazione, sempre a partire dalle ore 11:00, e il quorum si abbassa a 505: sarà la volta buona?

Ultime notizie, strage a Licata: uomo uccide 4 famigliari poi si ammazza

Strage ieri nel comune di Licata, in provincia di Agrigento (Sicilia), dove un uomo di 48 anni ha ucciso il fratello, la cognata e i due nipotini di 11 e 15 anni, per poi spararsi e morire poco dopo. Secondo quanto emerso sembra che sia scoppiata una furibonda lite famigliare, molto probabilmente per questioni legate all’eredità, poi sfociata appunto nel sangue. Dopo aver sterminato una famiglia, il 48enne Angelo Tardino è scappato, e quando sembrava che stesse per costituirsi alla fine si è sparato. L’uomo è stato soccorso in gravissime condizioni, quindi ricoverato presso l’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, dove è deceduto poche ore. Un gesto folle che ha sconvolto la comunità di Licata, ed in particolare, per il decesso dei due ragazzini che ovviamente erano totalmente estranei alle vicende famigliari dei “grandi”. La procura di Agrigento, che sta svolgendo le indagini, ha chiarito che le discussioni tra i due fratelli, forse legate a questioni di eredità erano frequenti e alcuni giorni prima si erano udite grida all’interno della palazzina dove abitavano le vittime dell’efferato delitto, che si trova nella periferia di Licata.

Ultime notizie, Papa: “Genitori sostengano figli gay”

Nuova apertura di Papa Francesco al mondo omosessuale. Nella giornata di ieri il Santo Padre, parlando all’udienza generale, si è rivolto ai genitori che hanno appunto figli gay, dicendo loro: “Come gestire questo: bisogna accompagnarli e non nascondersi in atteggiamento condannatorio”. Poi il Pontefice ha aggiunto: “Mai condannare un figlio”, riferendosi non solo all’orientamento sessuale, ma anche al possibile abbandono degli studi o a problemi con la giustizia. Il Santo Padre ha quindi indicato di seguire l’esempio di San Giuseppe, che ha chiesto aiuto a Dio nei momenti più difficili. Papa Francesco ha infine spiegato di non poter salutare i fedeli poiché “ho un problema alla gamba destra, è infiammato un legamento del ginocchio, un problema che capita ai vecchi”.

Ultime notizie, Green pass verso l’estensione illimitata?

Il green pass per chi ha ricevuto anche la terza dose potrebbe essere esteso in maniera illimitata, ovvero, non scadere di fatto mai. E’ questo quanto starebbe pensando il governo così come anticipato dal Corriere della Sera. La variabile dovrebbe essere la quarta dose, ma fino a che l’ulteriore richiamo non verrà ufficializzato, è possibile appunto che il green pass, che al momento dura sei mesi, venga portato ad una durata ben più lunga. Sulla questione si era già espresso tra l’altro negli scorsi giorni il numero uno del Css, Franco Locatelli: “non è ancora stato portato all’attenzione del Comitato tecnico scientifico, ma non posso escludere che lo sarà nei prossimi giorni. La protezione della dose booster aumenta significativamente la protezione rispetto al ciclo vaccinale primario”. Per questo, “una maggiore durata del certificato potrebbe a breve essere discussa”.

Ultime notizie, il bollettino di ieri del coronavirus

Calo dei numeri dei nuovi contagi e dei decessi nel bollettino odierno del Coronavirus. Su 1.121.587 tamponi eseguiti, i nuovi casi sono stati 167.206, mentre i decessi sono stati 427. Numeri in calo anche per i ricoveri, con una diminuzione di 29 unità nei reparti di terapia intensiva e di 26 nei reparti ordinari. I guariti di oggi sono stati 143.098.

Ultime notizie, Incidente mortale sul lavoro a Torino

Ieri pomeriggio un operaio di 43 anni è morto a causa di un incidente sul lavoro avvenuto nella scuola Maria Consolatrice, un istituto gestito dalle suore, a Torino. L’operaio, che secondo alcune indiscrezioni era in prova da 3 settimane, è stato schiacciato da un cestello mentre erano in corso dei lavori relativi al rifacimento della facciata. L’uomo è rimasto schiacciato tra il cestello ed il balcone e nonostante i tentativi di rianimazione degli operatori del 118 che sono accorsi sul posto, è deceduto. Sulla dinamica dell’incidente stanno svolgendo le indagini i carabinieri. Dopo l’incidente i sindacati, con una nota, hanno fatto notare che stanno avvenendo troppi infortuni in città nel settore dell’edilizia.





© RIPRODUZIONE RISERVATA