UMBERTO TOZZI/ “Il posto più bello in cui ho cantato Ti amo è…” (Techetechetè)

- Emanuele Ambrosio

Umberto Tozzi e le sue canzoni nella nuova puntata di “Techetechetè” in onda su Raiuno: da “Gloria” al grandissimo successo con “Ti amo”

umberto tozzi instagram 640x300
Umberto Tozzi (foto: Instagram)

È certo che “Ti amo” è il brano più famoso e forse tra i più apprezzati di Umberto Tozzi. In un’intervista a Allmusicitalia.it del 2017 il cantante ha ricordato le location più belle, dichiarando che “Fortunatamente sono state tante le location nella quali ho cantato il brano. – tuttavia c’è n’è forse una che ricorda meglio di tutte le altre – La Royal Albert Hall di Londra è un esempio calzante, ma anche ogni volta che torno a Sydney è un momento unico.” Così nell’intervista ha ancora sottolineato “Ma devo ammettere che in ogni concerto trovo un grande pubblico che mi ascolta e che partecipa cantando. Questo, quindi, fa si che la location sia sostanzialmente indifferente.” Questa sera a ricordare la sua musica è il nuovo appuntamento con Techetecheté. (Aggiornamento di Anna Montesano)

Umberto Tozzi e il successo di “Ti amo”

Umberto Tozzi ospite a Techetechetè su Raiuno: il cantautore è uno dei protagonisti della puntata in onda oggi, giovedì 6 agosto 2020, nella fascia pre-serale di Raiuno. La puntata di questa sera è dedicata ai cantautori e tra questi ampio spazio a Tozzi che ha scritto alcune delle canzoni più belle della musica italiana. Una carriera lunga e straordinaria quella del cantautore torinese scandita da successi internazionali come “Gloria”, “Ti amo”, “Gente di mare” e tanti altri. Nel 1997 è proprio “Ti amo” a scalare le classifiche prima in patria e poi nel resto del mondo regalando a Tozzi non solo il primo posto in hit parade, ma anche la vittoria al Festivalbar. Un vero e proprio record visto che il brano si piazza al primo posto dei singoli più venduti dal 23 luglio e cede la vetta solo il 22 ottobre. Basti pensare che in Francia diviene una hit da 1.147.000 copie grazie alla versione di Dalida, mentre in tutto il mondo raggiunge la cifra record di 8 milioni di copie. Intervista da Famiglia Cristiana (data 07 febbraio 2019) ha raccontato: “non mi aspettavo quel successo. Anche perché non ci pensavo proprio a cantare. Ero un musicista e un bravo chitarrista. Lavoravo per diversi gruppi, ed era quello che volevo fare. Per carattere sono restìo a essere protagonista e non mi è mai piaciuto apparire. Poi i discografici mi hanno convinto a interpretarla”.

Umberto Tozzi: “Ti amo è la prima canzone che ha saputo varcare il confine di Chiasso”

Il successo di “Ti Amo” non si ferma regalando a Umberto Tozzi una popolarità che supera anche i confini nazionali. “Ho vissuto girando il mondo in tournée. È la cosa che amo di più. Sono molto timido, ma solo sul palco mi dimentico di esserlo” – ha detto il cantautore che ancora oggi parlando di Ti amo dice – “è la più originale del mio repertorio. Anche il testo, per l’ epoca era davvero innovativo. Mi piace ricordare che è la prima canzone che ha saputo varcare il confine di Chiasso, e ne vado molto ero”. Durante la sua attività musicale Tozzi ha collaborato con tantissimi colleghi e non nasconde: “ho sempre provato piacere a condividere i momenti di gloria e il palco con i colleghi”. Tra tutti però ricorda con grandissimo piacere Raf: “partecipammo all’ Eurofestival portando Gente di mare. Un’ esperienza davvero bella e una settimana fantastica. Arrivammo terzi, perché eravamo vestiti male. Gli altri portavano tutti lo smoking”. Sul finale poi ha raccontato le sue passioni oltre la musica: “ho giocato tanto a tennis. Per un problema al ginocchio ho smesso. Adesso dipingo. È un tipo di arte che mi mancava dal punto di vista creativo. Mi piace quello che faccio e anche mia moglie, che è molto critica, ama i miei quadri. Lei mi ha spinto a cominciare comprandomi tutto il materiale. Mi sono accorto che in maniera naturale riuscivo a trovare le proporzioni. Cosa non facile né scontata. Vorrei fare una mostra. Non per vendere, ma per mostrare quello che faccio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA