Un boss in salotto/ Video, su Canale 5 il film con Paola Cortellesi

- Matteo Fantozzi

Un boss in salotto in onda dalle 21.20 di oggi, 4 marzo, su Canale 5. Nel cast di Paola Cortellesi e Rocco Papaleo.

Un boss in salotto in onda dalle 21.20 di oggi, 4 marzo, su Canale 5. Nel cast di Paola Cortellesi e Rocco Papaleo.

Un boss in salotto va in onda a partire dalle ore 21.20 di oggi, 4 marzo, su Canale 5. Si tratta di un film girato nel 2014 da Luca Miniero, e che vede come protagonisti principali Paola Cortellesi e Rocco Papaleo. I due attori italiano avevano già recitato insieme nella pellicola ”Nessuno mi può giudicare”, con Raoul Bova, Valerio Mastandrea e Anna Foglietta. Il film è stato girato in Italia, precisamente a Bolzano, Merano, Bressanone.

Un boss in salotto, la trama

Un boss in salotto ruota intorno alle vicende di Cristina, una donna napoletana che vive già da diversi anni a Bolzano con il marito Michele Coso e con due bambini, Vittorio e Fortuna.
La famigliola si è già integrata da diversi anni a Bolzano, i quali vivono in un bel quartiere residenziale e conducono una vita tranquilla. Il marito di Cristina, Michele, è in attesa di un’importante promozione, mentre Cristina stessa amministra la casa con il polso di ferro grazie anche al suo carattere forte.
Tuttavia, la serenità della famiglia non è destinata a durare ancora per molto: un giorno, infatti, Cristina viene convocata in caserma; la donna, quindi, scopre che suo fratello Ciro è implicato in un grave processo di Camorra, e che il giudice ha disposto che egli stia agli arresti domiciliari.

Ciro ha deciso di trascorrere gli arresti domiciliari a casa della sorella Cristina. Una volta arrivato a casa della famiglia della sorella, Ciro scopre che in realtà le condizioni del nucleo familiare sono difficili: Michele è indebitato con un usuraio, Cristina non riesce ad entrare nell’elite della società e Vittorio oltre ad avere un rendimento scolatico pessimo è anche vittima di bullismo. Ciro, preoccupato per la situazione del ragazzo, gli consiglia di difendersi: Vittorio quindi viene sospeso per aver reagito alle provocazioni del bullo, mentre al bullo non viene fatto nulla perché figlio dell’imprenditore più importante della città. Per non aggravare ulteriormente la situazione, i Coso decidono di invitare i Manetti a cena: qui Ciro farà da maggiordomo, con risultati maldestri e che faranno in modo che i Manetti vadano via indignati.

Qualche tempo dopo sui telegiornali esce la notizia: Ciro è un boss della Camorra, motivo per il quale tutti in paese cominciano a guardare con rispetto e paura i Coso. Michele viene promosso dalla sua azienda di grafico pubblicitario, Vittorio è temuto e rispettato a scuola. Tuttavia, si verrà a scoprire che Ciro nella Camorra ricopre un ruolo decisamente nullo, essendo un criminale di basso rango. La città, quindi tornerà a guardare con disprezzo i Coso, i quali però possono dire di avere un nuovo membro della famiglia. Cristina e Ciro, infatti, si riappacificheranno e lei non avrà più timore di farsi chiamare con il suo vero nome: Carmela Cimmaruta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA