Un sacchetto di biglie, Rai 1/ “Un simbolo dell’infanzia”

- Matteo Fantozzi

Un sacchetto di biglie in onda su Rai 1 oggi, 24 febbraio, dalle 21:25. Nel cast Dorian Le Clech, Batyste Fleurial. Lo streaming del film

sacchetto biglie 2019 film 1 640x300
Un sacchetto di biglie, il libro

Un sacchetto di biglie vedono “le biglie come simbolo di un’infanzia che viene messa alla prova“. Giancarlo Zappoli premia il film con tre stellette e mezzo su MyMovies: “La figura del padre nel primo film non era verosimile, mentre in Christian Duguay, che al rapporto padre e figlio è particolarmente attento anche quando gira un film come Belle & Sebastien L’avventura continua, ha trovato il regista capace di restituire verità al loro rapporto“. Sicuramente il film è interessante e intenso, in grado di dare al pubblico la possibilità di emozionarsi con racconti emotivi e molto profondi. Un sacchetto di biglie va in onda in prima serata su Rai 1, clicca qui per seguire il film in diretta streaming su RaiPlay.

Nel cast del film Elsa Zylberstein

Tra i principali protagonisti di Un sacchetto di biglie figura anche l’attrice francese Elsa Zylberstein nata a Parigi il 16 ottobre del 1968 da una famiglia di origini ebraiche e madre francese. Il suo debutto è avvenuto sul grande schermo nel 1989 ma il primo grande lavoro è arrivato nel 1991 con il regista Maurice Pialat per il film Van Gogh. Fino a questo momento della tua carriera i principali lavori che l’hanno caratterizzata sono soprattutto i film Farinelli – Voce regina, Jefferson in Paris, Metroland, Lautrec, Il tempo ritrovato, I colori dell’anima – Modigliani, L’eletto, Se sposti un posto a tavola, Ti amerò per sempre, Benvenuti a casa mia, Sotto sequestro, Tutti in piedi e Uno più una.

Dorian Le Clech nel cast

Un sacchetto di biglie va in onda su Rai 1 per la prima serata di oggi, mercoledì 24 febbraio, a partire dalle ore 21:25. Si tratta di una pellicola del 2017 nata grazie ad una coproduzione tra Francia, Canada e Repubblica Ceca con soggetto tratto dall’omonimo romanzo scritto da Joseph Joffo nel 1973. La regia del film è stata accurata da Christian Duguay con sceneggiatura adattata dallo stesso regista in collaborazione con Benoit Guichard e Laurent Zeitoun. La pellicola è stata prodotta da diverse case cinematografiche e in Italia la distribuzione è stata curata da Rai Cinema e Notorius pictures.

Le musiche della colonna sonora sono state firmate da Armand Amar, il montaggio è stato eseguito da Olivier Gajan e i costumi indossati dagli attori sul set cinematografico sono frutto del lavoro di Pierre Jean Larroque. Nel cast sono presenti tra gli altri Dorian Le Clech, Batyste Fleurial, Patrick Bruel, Elsa Zylberstein, Holger Daemgen e Christian Dulgay.

Un sacchetto di biglie, la trama del film

In Un sacchetto di biglie ci troviamo in Francia durante il secondo tragico conflitto mondiale con il Paese transalpino costretto a fare i conti con l’occupazione da parte dell’esercito nazista. È un periodo particolarmente drammatico soprattutto per gli ebrei costretti a nascondersi e fuggire per evitare di essere schedati e catturati dai soldati tedeschi. In particolare, in questa pellicola viene raccontata la storia di due giovani fratelli ebrei che si vedono costretti a fare i conti con le problematiche create dall’occupazione militare nazista nella parte più settentrionale della Francia.

Ben sapendo come l’atteggiamento dell’esercito italiano che invece occupava la parte meridionale della Francia fosse molto più permissivo e meno drammatico, decidono di lasciare la loro casa per intraprendere un viaggio verso la zona di occupazione italiana nel sud della Francia. I due giovani ragazzi dovranno far leva sul loro grande ingegno per poter mettersi al riparo da una possibile cattura e soprattutto trovare le risorse necessarie per spostarsi e quindi sopravvivere all’olocausto.

Inoltre il loro principale obiettivo è quello di riuscire finalmente a rintracciare gli altri componenti della loro famiglia per poter così avere maggiore protezione soprattutto in un futuro, lontano da quella devastazione e da quel dramma. Un’incredibile storia che dimostrerà come l’istinto di sopravvivenza sia capace di offrire stimoli e soluzioni che altrimenti sarebbero impensabili.



© RIPRODUZIONE RISERVATA