BLOOPERS/ Le olive di Tea Leoni, lo specchietto di Ben Affleck e il letto di Lino Banfi

- Dana e Spinoza

Inizia un nuovo mese, l’ultimo dell’anno che ci porta verso Natale e DANA e SPINOZA continuano a farci compagnia con la loro caccia agli errori nei film in televisione

Ipotesi_ReatoR400
Una scena del film Ipotesi di reato

Ciao Dana, so che si dovrebbe aspettare l’8 dicembre per fare l’albero, ma io mi sono portato un po’ avanti e l’ho già fatto… bello viola con le decorazioni rosa e una farfalla al posto del puntale… ti piace?

Il rosa mi fa lo stesso effetto che fa Harry Potter a Lord Voldemort, vedi tu…

Ti fa cascare il naso?

Mentre decido quali pupazzetti attaccarci comincerei coi bloopers. Oggi Canale 5 23.15, “Se devo essere sincera”: Nei titoli di coda il titolo della canzone “Tous les garçons et les filles” è scritto erroneamente “Tous les GARÇONES et les filles”.

Preferisci il pupazzetto del comandante Adama di “Battlestar Galactica” o quello di Worf di “Star Trek”?

 

I Popples. O i MioMiniPony, che tanto fra rosino, fuxia e cipria dovrebbero starci… Brrr… che robaccia devo vedere… “The Family man”, alle 21.10 su Italia1, vah, che questo film con Cage stranamente mi piace. Durante la festa di Natale, Kate (Tea Leoni) ha uno stuzzicadenti con tre olive in mano e si accinge a portarne uno in bocca, poi inquadrano Jack (Nicholas Cage) e lei ha solo due olive sullo stuzzicadenti e una in bocca; inquadrano di nuovo Jack e poi di nuovo lei e questa volta lei ha un’oliva sullo stuzzicadenti e una in bocca; all’inquadratura successiva ha di nuovo due olive sullo stuzzicadenti. La maledizione delle olive del Martini colpisce ancora. La prossima volta, vodka liscia per tutti!

Domani su La7 alle 22.30 “W.”: intorno alla fine, quando Bush tiene un discorso (realmente fatto) ai marinai della portaerei, il piedistallo accanto a lui riflette una strana ombra sullo sfondo e in particolare sul cielo. Nello sfondo, realizzato con la tecnica del chromakey, appaiono filmati reali girati in una portaerei militare durante un discorso del vero George W. Bush. Ora, potrebbe anche darsi, seppur possa sembrare difficile, che l’ombra del piedistallo si proietti sui militari dietro l’attore che interpreta Bush, peccato però che l’ombra è proiettata misteriosamente anche sul cielo, testimonianza di un cattivo uso delle luci e del chromakey!

Questa cosa del chromakey mi dà un’idea… e se girassi un video con l’albero come protagonista e il chroma sullo sfondo? Quelli di South Park hanno praticamente iniziato così, con un pupazzo di neve… potrei diventare famoso! Che ne dici?

È il tuo albero, quello che sta fuggendo dalla finestra alla sola idea?

“Epic Movie”, 21, RaiMovie: fare la parodia a “Twilight” è proprio sparare sulla Croce Rossa, ma quando vedi parodie (“Mordimi”) fatte meglio dell’originale abbandoni i tuoi scrupoli e uccidi senza pietà. Edward e i suoi fratelli stanno parlando prima di sferrare l’attacco. Vediamo Edward con una spallina per il mantello sulla spalla sinistra, che l’istante dopo si sposta a destra, dove resta finché resta il mantello.

 

Domenica su Retequattro alle 21.30 “Qualcosa di cui… sparlare”. All’inizio, quando la bambina parla con il nonno nella stalla, alle spalle di quest’ultimo si vede una lampada che, a seconda delle inquadrature, è accesa, poi spenta, poi ancora accesa.

A proposito di lampade, mi sono sempre chiesto come fanno nei film americani a mettere le candele sugli alberi di Natale e a non mandarli a fuoco… questo che vedi, per intenderci, è il sesto albero che faccio in 2 giorni…

 

Oh. Uhm. Che usino candele tipo quelle dei cimiteri? Magari anche con lampadina realistica a basso consumo? Io intanto… uhm… Spi’, che mi passi un bicchiere d’acqua? Naturale, gasata, non fa differenza, basta che lasci la bottiglia…

“Shine”, alle 21 su Rai2. Durante l’esecuzione di David Helfgott (da adolescente) dello studio “La Campanella” di F. Liszt (quando il suo maestro gli è seduto accanto) lui stacca la mano destra dal piano per “raddrizzarsi” gli occhiali, ma miracolosamente il pezzo continua da solo! (cosa che vista la difficoltà tecnica di quel punto del pezzo sarebbe stata impossibile per qualsiasi pianista)

Oh, che dire… complimentoni!

 

Lunedì su Retequattro alle 23.15 “Full metal jacket”. Proprio adatto per Natale, specie nella scena in cui i soldati cantano “Tanti auguri Gesù Cristo”: il sergente si mette poi a camminare avanti e indietro tra le 2 file di soldati, si vede bene che ogni volta che il sergente si gira le file di soldati sono finite, ma quando c’è il cambio di inquadratura mancano sempre 4 o 5 soldati (davanti ai quali Hartman non è passato per intenderci). Inoltre quando Hartman si gira per la seconda volta è tra 2 ragazzi di colore, ma al cambio di inquadratura quello alla sua sinistra (che prima era alla sua destra) diventa bianco!!!

 

Di paura, scusa, è ovvio!

“La battaglia di Alamo”, dai, un classicone con John Wayne alle 21 su RaiMovie. Nella fase iniziale del film, durante una festa in un saloon, un tizio “suona” una chitarra. Quando viene inquadrato nuovamente, da una differente angolazione, si vede chiaramente che lo strumento è del tutto privo di corde.

Un altro virtuoso della musica come il tizio di sopra, eh?

 

Martedì su Italia 1 alle 21.10 “Cambia la tua vita con un click”. Nel momento in cui ricorda la canzone del primo bacio i due si stavano scrivendo i messaggi su un tovagliolo bianco, ma poi verso la fine del film tira fuori il bigliettino per farlo vedere a Dana ed è blu.

Magari ha cambiato anche il bigliettino con un click…

 

Umph, per darlo a me doveva farlo verde, il tovagliolo.

 

È vero, il personaggio di quel film si chiama come te… non ho ancora trovato uno che si chiami Spinoza. Film sui filosofi non ne fanno così spesso…

Per disperazione segnalo “Saw V”, che forse poi ce lo siamo levati dalle cippe con tutti i suoi scopiazzini. Il primo era bello, ma già il secondo lo avresti preso a sbadigli. Dal terzo in poi, picchiata. Alle 23.45 su Rai2, se proprio volete. Dopo che i tre si nascondono nei tunnel, l’ucciso è spiaccicato “solo” per terra e niente sangue sulle pareti o altro! Dopo un’esplosione fortissima, sottolineare che il corpo non si adagia sul pavimento e basta parrebbe inutile, invece…

 

Mercoledì su La7 alle 23, “Ipotesi di reato”. Durante l’incidente al mattino, si vede chiaramente lo specchietto laterale della Mercedes guidata da B. Affleck rompersi contro le altre auto che lo chiudevano a sandwich. Visto che il film è ambientato maggiormente in una o quasi giornata, il casino combinato dallo stesso Affleck era meno importante della sua macchina, visto che ha trovato il tempo di riparare lo specchietto laterale? Io non l’ho vista in officina, e tu?

 

Ben può. Lui è così fyko che se si guarda allo specchio con l’occhio sifulo dell’appena sveglio, lo specchio sorride e gli fa il photoshop in diretta. Anyway, io scelgo “L’erba di Grace”, alle 21.10 su La7. Verso la fine del film quando, vista la situazione , decidono di bruciare il cumulo d’erba. Si nota piuttosto palesemente che questa non è erba ma sembra piuttosto sedano! Vabbè, io qui un pochetto li capisco pure… metti che c’era vento, chi glielo spiega agli abitanti della vicina via perché sono così… uhm… tranquilli e rilassati?

 

Per la commedia sexy del giovedì, c’è “Spaghetti a mezzanotte” non proprio a mezzanotte, anzi, alle 13.10 su Iris. Dopo aver perso la causa, l’avvocato Savino (Lino Banfi) va a casa dell’amante Elvira. Quando arriva il marito, Savino si nasconde sotto il letto e poi sul cornicione. Uscendo da sotto il letto stacca inavvertitamente un piedino del letto, che così si inclina su un lato. Nell’inquadratura immediatamente successiva, però, tutti e quattro i piedini del letto sono staccati.

 

“La Mummia – Il ritorno”, alle 21 su Italia1. Questa serie mi ha fatto scoprire John Hannah come attore comico, poi l’ho visto in “Spartacus” e in “Spartacus – Gods of the Arena” e ho visto quanto davvero bravo sia quest’uomo. Vale la pena vederlo all’opera, davvero. Quando c’è la prima sparatoria per liberare Evelyn, Rick rompe con un colpo di pistola delle casse di formaldeide dietro ad alcuni soldati. Questi sono inondati e NON FANNO UNA PIEGA. La cosa è assolutamente impossibile: la formaldeide è altamente tossica anche da inalata, i suoi fumi da pura seccherebbero i polmoni di chiunque e il liquido è maledettamente corrosivo (difatti conserva eccellentemente i tessuti, ma proprio perché li uccide e li “mummifica”; in più, proprio per la sua tossicità, viene di solito utilizzata in una soluzione al 10%, chiamata formalina). Ergo, non si può che desumere che… i soldati sono androidi. ;D

Ecco il capolavoro completo: l’unica è se mettere 2000 lucine o solo 1500. Devo chiamare quelli della compagnia elettrica e farmi assegnare più corrente… magari poi le metto anche fuori della casa, come nel film “Un natale esplosivo” con Chevy Chase…

 

Ha più l’aria del “Merry Christmas 1986” di Homer Simpson, ma il contatore è tuo…

 

Ok, deciso, addobbo fuori. Saluti tu nel frattempo?

 

Raga’, io qui sono basita. Spino sta mettendo fuori, agganciato al parapetto, una compilation di lucette che se non fa attenzione gli atterrano i jet di Malpensa pensando sia la pista. Voi mi raccomando, non fate un albero rosa zucchero filato, che anche alle Principesse della Disney verrebbe il diabete, non esagerate con le lucette e non dimenticate il regalo alla zia Peppina: tranquilli, una bella scatola di biscotti per il tè e passa la paura. Baciozzi a tutti e venite a trovarci su ilsussidiario.net, www.bloopers.it e http://multiplayer.it/forum/bloopers/ .

Stay… uhm… Spino? Spinuccioooooo? Perché ho sentito l’eco? Spin… Oh, my…

Ok, aspetta. Prendo la scala, eh…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie di Una settimana da blooper