Usa, si va verso riduzione quarantena/ Da 10 a 5 giorni per positivi asintomatici

- Chiara Ferrara

Negli Usa si va verso la riduzione della quarantena per positivi asintomatici e vaccinati con due o tre dosi: ma ci sarà obbligo di mascherina

pistello
(LaPresse)

Negli Usa si va verso una riduzione della quarantena per diverse categorie di popolazione: una di queste è quella rappresentata da coloro che sono positivi ma asintomatici. Non saranno necessari 10 giorni di isolamento, bensì soltanto 5, a patto che nel restante periodo indossino obbligatoriamente la mascherina quando sono a contatto con altri. Il provvedimento sarà valido anche per coloro che non sono vaccinati oppure che hanno completato il ciclo vaccinale da più di sei mesi. La linea guida è stata dettata, secondo quanto riporta Adnkronos, dai Centers for Disease Control and Prevention.

“Il cambiamento sono dovuti al fatto che la scienza ha dimostrato che la trasmissione del coronavirus avviene nelle prime fasi della malattia, generalmente 1-2 giorni prima dell’insorgenza dei sintomi e 2-3 giorno dopo. Per questo, le persone che risultano positive ad un tampone dovrebbero isolarsi per 5 giorni e, se asintomatiche a questo punto, possono lasciare l’isolamento se possono continuare a indossare una mascherina per 5 giorni per ridurre al minimo io rischio di contagiare altre persone”, si legge in una nota dei Cdc.

Usa, si va verso riduzione quarantena: non solo per gli asintomatici

La riduzione della quarantena prevista negli Usa, ad ogni modo, non riguarda esclusivamente i positivi asintomatici. Il periodo di isolamento sarà infatti ridotto da 10 a 5 giorni anche per coloro che sono vaccinati con due dosi e sono entrati in contatto con un positivo. Una notevole differenza invece per le persone che hanno ricevuto anche la terza dose, i quali non dovranno sottoporsi ad alcuna quarantena. In entrambi i casi, però, vige l’obbligo di mascherina per 10 giorni.

Il tutto cambierebbe nel caso in cui nel primo periodo dovessero manifestarsi i sintomi del Covid-19. “Se emergono, bisogna isolarsi immediatamente fino ad un tampone negativo che confermi che essi non vanno attribuiti al virus”, prosegue la nota. Il test rapido o molecolare, nel dettaglio, è consigliato a cinque giorni dal contatto con il positivo o dal possibile contagio.







© RIPRODUZIONE RISERVATA