USA vs CINA/ I limiti della guerra di Washington alle spie cinesi (negli States)

- Giuseppe Gagliano

Gli Stati Uniti hanno istituito una sorveglianza speciale su ogni cino-americano che lavora in enti speciali o di ricerca, per paura dello spionaggio di Pechino

christopherwray fbi 1 lapresse1280 640x300
In primo piano il direttore dell'Fbi, Christopher Wray (LaPresse)

Due scienziati cinesi americani del Baylor College of Medicine di Houston sono stati rimossi dal loro lavoro lo stesso giorno del mese scorso, sollevando preoccupazione tra i colleghi che potrebbero essere stati presi di mira dalle ricadute della controversa China Initiative del Dipartimento di Giustizia.

I due scienziati, entrambi cittadini statunitensi naturalizzati che lavorano nelle scienze biomediche, sono stati informati della loro incriminazione alla stessa ora la mattina del 30 agosto.

La China Initiative è stata lanciata nel 2018 sotto l’allora procuratore generale Jeff Sessions per combattere lo spionaggio industriale, il trasferimento di tecnologia e l’hacking dalla Cina, ma ha vacillato, suscitando critiche da parte dei sostenitori dei diritti civili e degli attivisti asiatici americani. Nonostante il continuo clamore del Dipartimento di Giustizia, le accuse in diversi casi recenti sono state ritirate. All’inizio di questo mese, un giudice federale ha assolto l’ex scienziato dell’Università del Tennessee-Knoxville Anming Hu a seguito di un errore giudiziario

La China Initiative è stata accompagnata da uno sforzo del National Institutes of Health degli Stati Unitiche amministra fondi federali per la ricerca biomedica, per indagare su centinaia di ricercatori sospettati di non aver rivelato i legami con lo spionaggio cinese. In una presentazione del giugno 2020, Michael Lauer, vicedirettore del Nih, ha affermato che quasi un terzo delle sue indagini fino a quella data aveva coinvolto l’Fbi.

Baylor ha citato potenziali problemi con la conformità alle sovvenzioni federali, tra le altre preoccupazioni, come motivo per il licenziamento degli scienziati. Ma due membri della facoltà di Baylor hanno detto a The Intercept che temono che la scuola penalizzi le persone a causa del lavoro dei loro coniugi. Entrambi gli scienziati licenziati sono sposati con scienziati che hanno ricoperto incarichi in Cina. I docenti hanno chiesto di rimanere anonimi perché non autorizzati a parlare con la stampa.

L’Md Anderson Cancer Center di Houston, Texas, è stato oggetto di un’ampia indagine  dell’Fbi di 17 mesi nel 2018. L’inchiesta ha coinvolto agenti dell’Fbi che lavorano in tandem con gli amministratori del Nih e dell’Md Anderson Cancer Center, il cui campus confina con quello di Baylor. Per mesi, gli agenti hanno indagato scienziati di etnia cinese, ottenendo l’accesso agli account di rete di 23 dipendenti di Md Anderson e, in un caso, installando una telecamera di sorveglianza vicino all’ufficio di un ricercatore. Nel 2019, Md Anderson ha rivelato di aver estromesso tre scienziati a seguito dell’indagine, ma nessuno è stato accusato di un crimine rilevante.

Negli ultimi decenni, molte istituzioni statunitensi hanno istituito programmi e progetti congiunti in Cina, spesso proponendo ricercatori di etnia cinese per costruire rapporti di natura scientifica. Md Anderson, per esempio, ha ricevuto un Premio 2015 dal Consiglio di Stato cinese in una cerimonia alla presenza del leader cinese Xi Jinping. Due anni dopo, un vicepresidente di Md Anderson è volato a Pechino per incontrare il direttore dell’agenzia che amministra il programma cinese Thousand Talents. Un altro esempio è stata una partnership formale presso l’Università Sun Yat-sen di Guangzhou che copre progetti di ricerca congiunti e scambi accademici. Sul suo sito web, Baylor pubblicizza il lavoro come un potente esempio di collaborazione transfrontaliera. E nel 2014, il consolato cinese a Houston ha pubblicato le foto di una cerimonia per la firma che coinvolgeva un centro Baylor e una società biomedica affiliata all’Università di Pechino (nel luglio 2020, l’amministrazione Trump ha bruscamente chiuso il consolato di Houston, con il segretario di Stato Mike Pompeo che ha affermato che si trattava di “un centro di spionaggio e furto di proprietà intellettuale”).

Il Dipartimento di Giustizia afferma che oltre l’80% delle sue azioni penali per spionaggio economico sono legate alla Cina e il direttore dell’Fbi Christopher Wray ha ripetutamente affermato che l’ufficio sta aprendo un nuovo caso che coinvolge la Cina ogni 10 ore. Ma i sostenitori dei diritti civili e gli studiosi legali affermano che il Dipartimento di Giustizia ha incriminato ben poche spie cinesi.

Sia con le indagini della China Initiative che con i casi precedenti, i funzionari del Dipartimento di Giustizia hanno sostenuto che la ricerca scientifica e le conoscenze aziendali statunitensi sono questioni di importanza per la sicurezza nazionale, indipendentemente dall’argomento. I pubblici ministeri hanno rivolto la loro attenzione su prodotti farmaceutici GlaxoSmithKline, semi di mais Monsanto geneticamente modificati e uno sbiancante DuPont utilizzato nelle vernici e nei biscotti Oreo.

È difficile non pensare che indagini di questa natura si prestano facilmente ad abusi e ad errori giudiziari analoghi e speculari a quelli che si verificarono durante la guerra fredda in funzione anti-comunista.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA