VACCINI IN AZIENDA/ Il documento INAIL: ecco quali lavoratori avranno la priorità

- Dario D'Angelo

Vaccini in azienda: il documento INAIL ha stilato tre classi di priorità fra i lavoratori in base al lavoro svolto. Ecco quali settori saranno privilegiati.

coronavirus covid vaccino 13 lapresse1280 640x300
Vaccinazione nel Centro vaccinale dell’Esercito al Parcheggio di Trenno (Milano) (LaPresse)

Vaccini in azienda: è pronto il documento Inail che stabilisce le priorità per la distribuzione di dosi alle imprese, impostato a partire dall’analisi dei dati sugli infortuni sul lavoro legati al Covid che parlano di 550 morti fino a marzo 2021. Tra i settori che verranno privilegiati in questa prima fase industrie alimentari, fabbricazione di articoli in pelle, attività di raccolta e smaltimento di rifiuti, ma anche trasporto marittimo e aereo, servizi postali, ristorazione, operatori turistici, commercio al dettaglio (inclusi i supermercati), attività di produzione cinematografica. Come riportato dal Corriere della Sera, l’elenco fa parte del documento preparato da Inail insieme ai ministeri della Salute e del Lavoro e alla conferenza delle Regioni per stabilire l’ordine in base al quale la struttura commissariale coordinata dal generale Figliuolo distribuirà, a partire dal mese di giugno, le dosi destinate ai datori di lavoro per immunizzare il personale.

VACCINI IN AZIENDA: IL DOCUMENTO INAIL

Sono circa 6 milioni e 840mila i lavoratori ad avere precedenza assoluta, ma il dato positivo è che più di 4 milioni e 750mila di loro hanno già ricevuto, seguendo le fasce d’età, almeno una dose di vaccino. Delle categorie già immunizzate fanno parte forze dell’ordine e scuola, operatori sanitari. Rientrano nel secondo elenco, quello di priorità 2, attività a minor rischio di contatti ed aggregazione quali i lavori di costruzione specializzati e di edifici, ma anche coltivazioni agricole, che si svolgono prevalentemente all’aperto. Si tratta di quasi 6 milioni di persone, di cui 733mila già già vaccinate. In questo gruppo rientrano anche i centri di riferimento per culti religiosi quali parrocchie, oratori e monasteri. La classe coltivazioni agricole viene descritta come “settore eterogeneo di rischio con particolari criticità in aziende che impiegano lavoratori stagionali“, maggiormente esposte ai focolai. Alla terza classe appartengono oltre 5 milioni di lavoratori anche dell’industria automobilistica: le aziende dovranno privilegiare inizialmente i dipendenti che hanno contatti col pubblico o operano sul territorio rispetto a quelli in smart working. Oltre al criterio qualitativo è stato introdotto quello quantitativo, ovvero la capacità di più aziende di unirsi per la creazione di un punto vaccinale o delle più grandi di coinvolgere le più piccole così da velocizzare la campagna di vaccinazione. Emblematico il caso Burger King, che ha aperto le porte ai ristoratori della zona.



© RIPRODUZIONE RISERVATA