Vaccini, ordinanza Figliuolo: priorità a over 80 e fragili/ “AstraZeneca va usata”

- Carmine Massimo Balsamo

Nuova ordinanza Figliuolo sui vaccini anti-Covid: chi ha iniziato ciclo lo terminerà, ma priorità a over 80 e persone fragili

ordinanza figliuolo
Generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario emergenza Covid (LaPresse, 2021)

Nuova ordinanza di Figliuolo sui vaccini, recepito quanto indicato dal premier Draghi nella conferenza stampa di giovedì. Ieri, venerdì 10 aprile 2021, il commissario straordinario all’emergenza Covid-19 ha firmato l’ordinanza n. 6/2021 e l’ha inviata alle Regioni: per i vaccini priorità agli over 80 e alle persone fragili. Le categorie di priorità indicate dal Ministero della Salute rimangono, ma vengono temperate con il criterio dell’età.

Entrando nel dettaglio dell’ordinanza di Figliuolo, viene evidenziato che «la vaccinazione rispetta il seguente ordine di priorità: -persone di età superiore agli 80 anni; -persone con elevata fragilità e, ove previsto dalle specifiche indicazioni contenute alla Categoria 1, Tabella 1 e 2 delle citate Raccomandazioni ad interim, dei familiari conviventi, caregiver, genitori/tutori/affidatari; -persone di età compresa tra i 70 e i 79 anni e, a seguire, di quelle di età compresa tra i 60 e i 69 anni, -utilizzando prevalentemente vaccini Vaxzevria (precedentemente denominato Covid-19 Vaccine AstraZeneca) come da recente indicazione dell’Aifa».

NUOVA ORDINANZA DEL COMMISSARIO FIGLIUOLO

Oltre a stabilire che chi ha già iniziato il ciclo vaccinale lo terminerà, la nuova ordinanza di Figliuolo ha inoltre messo in risalto che «parallelamente alle suddette categorie è completata la vaccinazione di tutto il personale sanitario e sociosanitario, in prima linea nella diagnosi, nel trattamento e nella cura del Covid-19 e di tutti coloro che operano in presenza presso strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private». Ricordiamo che al momento è stato vaccinato il 72% di questa fascia. Successivamente toccherà alle altre categorie considerate prioritarie dal piano nazionale vaccini e parallelamente alle fasce anagrafiche.



© RIPRODUZIONE RISERVATA