Valcamonica, morto alpinista precipitato in dirupo/ 38enne scivolato durante cordata

- Niccolò Magnani

Valcamonica, alpinista 38enne di Cantù scivola e precipita durante cordata: morto in un dirupo dopo volo di centinaia di metri davanti ai due compagni

incidente_soccorso_polizia_elicottero_lapresse_2018
Eliambulanza, i soccorsi - LaPresse

Terribile tragedia è avvenuta in Valcamonica questa mattina dove un 38enne alpinista è scivolato, caduto e purtroppo morto giù da un dirupo durante un’escursione sulla Concarena: a lanciare l’allarme immediato sono stati i due compagni di cordata che assieme a lui stavano scaldano la cima per poi andare a provare l’attacco sulla via Cassin. Non c’è stato nulla da fare, il volo è avvenuto per più di centinaia di metri e le condizioni del corpo del 38enne residente nel Comasco erano troppo gravi: il medico del Soccorso Alpino che ha recuperato il cadavere qualche ora dopo non ha potuto far altro che constatare la terribile morte di un giovane alpinista comunque esperto dopo anni di cordate e salite sulle cime della Alpi lombarde. La tragedia ha colpito R.V., uno sportivo allenato e residente a Cantù, a metà strada tra Milano e Como: è precipitato per oltre 100 metri senza purtroppo riuscire ad evitare il dramma della caduta, davanti agli occhi dei suoi due compagni di cordata.

MORTO 38ENNE COMASCO IN VALCAMONICA

Secondo quanto riportato da Il Giorno, i tre stavano salendo verso l’attacco della via Cassin quando il comasco pare sia scivolato sul terreno bagnato facendo un volo di oltre 100 metri. Le persone che erano con lui hanno chiesto aiuto al 112 che immediatamente ha allertato il 118 e la V Delegazione Bresciana del Soccorso alpino intervenuta tramite elicottero: «recupero è avvenuto dopo lo sbarco con il verricello dell’équipe medica e del tecnico del Soccorso alpino che, come da prassi, fa parte del team che lavora a bordo del velivolo», spiegano i colleghi del Giorno. Il responso purtroppo è quello atteso, nessun segno di vita dopo esser precipitato da così alta cima: Valcamonica sotto choc in attesa che i familiari del 38enne vengano informati della tragedia in quel di Cantù. Il corpo senza vita dell’alpinista intanto è stato portato all’ospedale di Esine in attesa del riconoscimento nella serata della famiglia, cui va il cordoglio e le condoglianze di tutta la redazione de il Sussidiario.net.



© RIPRODUZIONE RISERVATA