Valeria Parrella, la scrittrice di Almarina/ “40 anni? Un’età d’oro” (Le ragazze)

- Emanuele Ambrosio

Valeria Parrella, la scrittrice tra le protagoniste de Le Ragazze, il programma di Rai3 che racconta sull’evoluzione del nostro Paese

Valeria Parrella
La scrittrice Valeria Parrella

Valeria Parrella, la scrittrice è tra le protagoniste della nuova puntata de “Le Ragazze“, il programma di Rai3 che racconta la storia e l’evoluzione del nostro Paese tramite il racconto di donne famose e non. Tra queste c’è anche la scrittrice di Almarina che recentemente è tornata nelle librerie con il nuovo romanzo dal titolo “Quel tipo di donna” pubblicato per Harper Collins Italia. Si tratta di un romanzo che la stessa scrittrice ha raccontato così ai microfoni di Sky Tg24 nella rubrica “Consigli di lettura”: “l’amore è viziato da molte cose: dalla gelosia, dall’usura del tempo, dal sesso, dai corpi; l’amicizia viene prima di questa fase ed elude tutti questi comportamenti che noi riconosciamo negli innamorati e che in qualche modo viziano l’amore”. “Quel tipo di donna” è un romanzo che parla di un’amicizia nata durante un viaggio in Turchia: le protagoniste sono quattro donne che incarnano per l’autrice proprio quel tipo di donna; ossia donne che sono cresciute seguendo l’esempio di altre donne che si sono ritrovate ad affrontate sfide difficili, donne che “non hanno mai messo la tovaglietta sotto il piatto perché c’è sempre stato altro da fare”.

Valeria Parrella libri: “Quel tipo di donna” è il nuovo romanzo

Tutte le quattro donne protagoniste del romanzo di Valeria Parrella hanno all’incirca 40 anni, un’età che la Parrella racconta così: “un’età d’oro perché ci mette al sicuro da tutto. È un’età in cui sei già quello che sei: se dovevi fare un lavoro l’hai fatto, se dovevi studiare delle cose le hai studiate, e quindi in qualche modo è un momento di rilassamento. Ed è questo momento che permette di far affiorare un nucleo duro dall’adolescenza di ognuno di noi”. Una riflessione condivisa anche dalla stessa scrittrice. “io, ad esempio, ancora oggi, al di là delle responsabilità e dei doveri, sono quella dei miei 16 anni e mi diverto e rido nello stesso modo. Ecco, il viaggio che racconto credo serva alle quattro protagoniste a recuperare proprio quel nucleo duro”. Una cosa è certo: questo lungo viaggio porta queste quattro donne e amiche alla scoperta della loro forza: “la forza non sia essere forti, ma capire quando non puoi esserlo. Proteggersi più che sfidarsi”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA