Vanessa Ferrari: “Che bello finire davanti a Simone Biles”/ “Mi ha aiutato Bocelli”

- Dario D'Angelo

Vanessa Ferrari, prima nelle qualificazioni del corpo libero alle Olimpiadi di Tokyo 2020: la Farfalla si è messa alle spalle anche il fenomeno Simone Biles.

ferrari ginnastica Olimpiadi
Diretta ginnastica, Olimpiadi Tokyo 2020: Vanessa Ferrari (LaPresse)

Prima nelle eliminatorie del corpo libero con un punteggio superiore anche del fenomeno mondiale della ginnastica artistica, l’americana Simone Biles, Vanessa Ferrari guarda alla finale delle Olimpiadi di Tokyo 2020 con legittima ambizione. Intervistata da Il Mattino, la Farfalla azzurra ha spiegato: “Ho fatto tutto quello che potevo e volevo fare. Ho bloccato l’arrivo, azzeccato i salti artistici, completato il giro, più di così era impossibile. Sapevo che se avessi eseguito l’esercizio giusto sarebbe arrivato un buon punteggio, ma essermi classificata come prima mi rende felice. Sono solo le qualificazioni, ma aver battuto per una volta la Biles è stupendo. Era uno degli obiettivi che mi sarebbe piaciuto raggiungere e qui ce l’ho fatta. Cercherò di restare serena e di godermi le prossime gare. Essere arrivata qui per me è già tantissimo“. Vanessa Ferrari non esclude di alzare il coefficiente di difficoltà del suo esercizio per la finale: “Valuterò con Enrico Casella cosa fare. Voglio giocarmi tutto ed essere davanti a tutte le altre godendomi la gara. Sono già stata quarta due volte, a Londra e a Rio, quindi stavolta preferirei rischiare, sbagliare e arrivare ottava, anziché fare l’esercizio buono e non salire sul podio“.

VANESSA FERRARI: “LA MUSICA DI BOCELLI MI HA AIUTATO”

A caratterizzare la prova di Vanessa Ferrari nelle qualificazioni è stata la colonna sonora di “Con te partirò“, scelta emozionante: “Se ha influito sul risultato? La musica di Bocelli mi ha aiutato nell’interpretazione della coreografia. Con questo motivo riesco ad esprimermi col viso. Da questo punto di vista sono migliorata, ora il mio corpo libero è davvero di livello sulle acrobazie, elementi artistici, coreografia ed interpretazione“. Il prossimo ottobre Vanessa Ferrari compirà 31 anni; a domanda, se pensi che l’età media delle ginnaste sia destinata ad aumentare, la Farfalla azzurra risponde: “Penso che gestendo i problemi fisici e impostando la preparazione nel modo corretto, anche oltre i 30 anni si può fare sport ad alto livello. Da un lato ci saranno più difficoltà legate al recupero, dall’altro però l’esperienza potrà aiutare“. E se lo dice Vanessa, ci si può fidare.



© RIPRODUZIONE RISERVATA