Vanessa Incontrada/ “A quasi 41 anni, sogno di avere una figlia”

Vanessa Incontra desidera allargare la famiglia, magari con un fiocco rosa: “Ora ho un maschio, con un bimbo sarebbe diverso”

Vanessa Incontrada
Vanessa Incontrada (Rai, 2019)

In attesa dello spettacolo Venti anni che siamo italiani, che la vedrà protagonista la fianco di Gigi D’Alessio, Vanessa Incontrada ha dato alle stampe il suo nuovo libro: scritto a quattro mani insieme alla madre Alicia Soler Noguera, si intitola “Le bugie uccidono”. Intervistata da Nuovo, l’attrice spagnola si è raccontata a tutto tondo ed ha rivelato di sognare un fiocco rosa: «Speriamo che sia femmina! Io sono che cosa voglia dire avere un rapporto con una figlia». A quasi 41 anni, l’ex volto di Zelig desidera allargare la famiglia e regalare al figlio Isal un fratello o una sorella: «Ora ho un maschio, sicuramente con una bimba sarà diverso». Poi una battuta sul rapporto tra mamma e figlia: «Il rapporto madre-figlia è davvero complesso. Noi donne siamo più mentali rispetto agli uomini. Tra me e la mia mamma c’è un amore grandissimo e non posso che ringraziarla per quanto ha fatto per me. Io e lei vediamo le cose in modo diverso e quindi a volte ci confrontiamo».

VANESSA INCONTRADA, IL SOGNO DI ALLARGARE LA FAMIGLIA

Vanessa Incontrada si è poi soffermata sul rapporto con la madre: «Ha fatto errori con me e anch’io ne farò con mio figlio: però la cosa bella è che noi parliamo tanto e non c’è niente che rimanga mai in sospeso». L’attrice ha rivelato che il figlio Isal è uguale a lei fisicamente, ma è anche testardo come la mamma, tanto da avere le idee chiare sul suo futuro: «L’altro giorno gli ho chiesto che cosa vorrebbe fare da grande e lui mi ha detto: “Andare al conservatorio!”. Però ha undici anni, c’è ancora tempo: ma il suo primo istinto è stato rispondere così. Chissà che succederà, vedremo…». Infine, un commento sul libro: «Diventerà un film? Mi piacerebbe. Per il cinema, però, non per una fiction tivù. L’ho pensato come una storia che ha un inizio e una fine. L’idea è di produrlo e di stare dietro le quinte come regista per la prima volta».



© RIPRODUZIONE RISERVATA