Vanessa Laine, moglie Kobe Bryant disperata/ “Non finisce una frase senza piangere”

- Matteo Fantozzi

Vanessa Laine, moglie Kobe Bryant: la donna è disperata dopo la tragedia in cui ha perso il marito e una delle sue figlie. Dovrà lottare però per le altre tre.

Famiglia Bryant
Kobe Bryant e famiglia: la moglie Vanessa, le figlie Nathalie e Gianna Maria-Onore (LaPresse, 2020)

La moglie di Kobe Bryant è disperata, non riesce, giustamente, ad accettare la tragedia che ha travolto letteralmente la sua famiglia con la morte del marito e della figlia Gigi. Un amico di famiglia molto stretto ha parlato a People, specificando: “Questo è un momento devastante, estremamente difficile per Vanessa e tutta la sua famiglia”. Un’altra fonte molto vicina alla famiglia dell’ex cestista specifica: “Vanessa Laine non riesce a finire una frase senza scoppiare a piangere, ma sta lavorando molto duro per tenere insieme sé stessa e le figlie. Sa bene che deve essere forte. È circondata da persone che la amano e che amano Kobe. Ha poi la fede che la sostiene sempre. La sofferenza sarà molto lunga, ma non è sola”. Di certo la ferita non sarà mai rimarginata, ma i giorni faranno capire a Vanessa che dovrà dare per forza andare avanti sia per lei che soprattutto per le figlie.

Vanessa Laine, moglie Kobe Bryant: un matrimonio felice

Quello tra Vanessa Laine e Kobe Bryant era un matrimonio felice, come è difficile trovarne nel mondo non solo delle celebrità ma anche delle persone comuni. In un’epoca in cui non si ha più pazienza per capire le persone, dove sembra più facile voltare pagina che affrontare i problemi, ci sono delle coppie, come questa, che resistono e rimangono insieme a dispetto di tutto e tutti. I due si erano sposati nel 2001 quando l’ex cestista aveva 22 anni e la donna appena 18. Erano insieme da 19 anni e avevano avuto quattro bellissime bambine. Se Gigi era con Kobe al momento della tragedia, le altre tre dovranno trovare la forza, insieme alla mamma, di andare avanti e provare a sorridere anche per il loro papà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA