Vasco Rossi e il mega party di Wuhan/ “Non avevano nuovi casi” ma mondo si indigna…

- Silvana Palazzo

Vasco Rossi commenta la notizia del mega party di Wuhan: “Non avevano nuovi casi, invece in Europa bisogna andarci cauti”. Ma il mondo si indigna per quanto accaduto in Cina

vasco rossi 2020 speciale tg5 640x300
Vasco Rossi nello speciale Tg5 "Via Emilia - La strada dei sogni"

Vasco Rossi torna a parlare di coronavirus sui social. Lo fa parlando dei palchi che cominciano a spuntare, «non come funghi, ma qualche buon segno c’è». Lui non vede l’ora di tornare a far scatenare i fan con i suoi concerti, ma d’altra parte è consapevole che la situazione è complicata a causa della pandemia di coronavirus. Curioso però è il fatto che non critichi un’iniziativa rischiosa come quella della Cina: «A Wuhan dopo tre mesi in cui non si registravano nuovi casi di Covid-19, hanno autorizzato un mega party che non ha richiesto distanza fisica né mascherine». Vasco Rossi si limita a dire che «in Europa bisogna ancora andarci cauti». E cita la soluzione trovata a Newcastle, nel Regno Unito, cioè «quella di creare delle aree riservate per il pubblico». Per quanto riguarda invece l’Italia, Vasco Rossi aggiunge: «Per fortuna iniziano a ripartire i piccoli eventi. Per quelli stratosferici ci toccherà rimanere vivi, sani, e lucidi, fino al 2021». Peccato però che quanto accaduto a Wuhan abbia fatto indignare il mondo intero, visto che nessuno ha indossato mascherine né ha rispettato il distanziamento. Lì dove tutto è partito e in un momento in cui la battaglia non può essere dichiarata ancora vinta.

VASCO ROSSI E LA CONFESSIONE SOCIAL…

Ieri invece Vasco Rossi ha confessato ai fan sui social una paura recondita, quella di dover ricominciare da zero dopo essere andato a dormire. «Ho scoperto una soddisfazione incredibile: andare a letto con la consapevolezza che sarei riuscito a gestire il risveglio, be’, era una figata unica», ha scritto il Komandante nel post pubblicato su Instagram. Il rocker non andava a dormire volentieri, e non solo perché amava la notte e quindi andare a letto gli sembrasse solo una perdita di tempo. C’è un altro motivo che lui definisce «più antipatico» e riguarda la «paura che al risveglio non sarei più stato quello che ero prima di andare a letto». Quindi, Vasco Rossi ha poi aggiunto: «Quelle poche relative sicurezze e certezze che avevo raggiunto durante la giornata…». Il musicista emiliano ha quindi concluso: «Ero convinto che il sonno avrebbe azzerato tutto e io avrei dovuto ricominciare tutto da capo».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Spuntano palchi, non come funghi, ma qualche buon segno c’è. A Wuhan dopo tre mesi in cui non si registravano nuovi casi di Covid-19, hanno autorizzato un mega party che non ha richiesto distanza fisica né mascherine. In Europa bisogna ancora andarci cauti, e la soluzione che hanno trovato a Newcastle (UK), è quella di creare delle aree riservate per il pubblico. In Italia per fortuna iniziano a ripartire i piccoli eventi. Per quelli stratosferici ci toccherà rimanere vivi, sani, e lucidi, fino al 👉 2021 • • #vascorossi #il_blasco_fan_club #musica #ilgeniodizocca #ilredeglistadi #rock #rockstar #canzoni #cantautori #estate2020 #fuckcovid #restarevivisanielucidifinoal2021

Un post condiviso da Vasco Rossi (@vascorossi) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA