Vasco Rossi ricorda Guido Elmi: “Sei sempre con me”/ “Quel maggio del 1979…”

- Stella Dibenedetto

Vasco Rossi ricorda Guido Elmi nel giorno del terzo anniversario della morte del suo storico produttore: “Sei sempre con me”.

guido elmi e vasco rossi min 640x300
Guido Elmi e Vasco Rossi - Foto Facebook

Vasco Rossi ricorda Guido Elmi con un toccante messaggio pubblicato sui suoi profili social. Da quando la vita di Guido Elmi si è spenta il 31 luglio 2017, esattamente un mese dopo la grande festa del Modena Park organizzata per celebrare i 40 anni di carriera di Vasco, il rocker ogni anno dedica un pensiero al suo storico produttore con cui ha scritto pagine importanti della musica italiana dando vita a delle vere e proprie perle musicali. Per ricordare Guido Elmi, nel terzo anniversario della sua morte, Vasco Rossi ha scelto una foto di qualche anno fa e le parole dette dallo stesso Guido che, raccontando il primo incontro con il rocker di Zocca, svelò cosa accadde quel giorno di maggio del 1979 quando le loro strade s’incrociarono per la prima volta.

VASCO ROSSI RICORDA GUIDO ELMI

Tra Vasco Rossi e Guido Elmi c’è stato un rapporto d’amicizia e professionale durato per tutta la vita dello storico produttore che è stato tra i primi a credere nel talento di colui che, nel corso degli anni, è diventato il più grande rocker italiano. Vasco l’ho conosciuto in un bar qualsiasi nel maggio del 1979 e subito in quegli occhi ho letto qualcosa d’importante e unico. In quel giorno si è deciso il mio destino e, come nel più classico dei road movies americani, ho gettato tutto per seguire quel ragazzo. Ed erano i tempi dove fare rock in italiano era una bestemmia. Lui non ha mollato. Riesce a condensare in poche parole, in una frase – che chiamare slogan è riduttivo – le nostre vittorie e le nostre sconfitte, l’inconsistenza e la futilità delle nostre giornate, la gioia che subito ci abbandona e la rabbia che ci teniamo dentro, l’illusione di un momento e il disincanto di fronte agli eventi, alla decadenza e all’ipocrisia che ci circondano”, raccontava Guido Elmi parlando di Vasco come ricorda lo stesso rocker nel suo messaggio dedicato all’amico Guido Elmi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un ricordo di Guido Elmi con queste sue parole: “<Vasco l’ho conosciuto in un bar qualsiasi nel maggio del 1979 e subito in quegli occhi ho letto qualcosa d’importante e unico. In quel giorno si è deciso il mio destino e, come nel più classico dei road movies americani, ho gettato tutto per seguire quel ragazzo. <… > Ed erano i tempi dove fare rock in italiano era una bestemmia. Lui non ha mollato. Riesce a condensare in poche parole, in una frase – che chiamare slogan è riduttivo – le nostre vittorie e le nostre sconfitte, l’inconsistenza e la futilità delle nostre giornate, la gioia che subito ci abbandona e la rabbia che ci teniamo dentro, l’illusione di un momento e il disincanto di fronte agli eventi, alla decadenza e all’ipocrisia che ci circondano. In un paese dove tutti sanno, tutti gridano, tutti danno buoni consigli, il poco prudente Vasco assomiglia ai grandi eroi scomodi della letteratura e del cinema: sempre un po’ fuori posto. Ma come accadeva per loro, Vasco è incolpevole dell’esistenza di fenomeni che i benpensanti non amano”. Wiva Guido Elmi!! Sei sempre con me. #guidoelmi #treannisenzaguido #nessunomuoremaicompletamente #semprevivodentrodime

Un post condiviso da Vasco Rossi (@vascorossi) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA