Veronica De Nitto uccisa negli Usa: killer ricercato da FBI/ Papà “vicenda mostruosa”

- Angela Marrelli

Veronica De Nitto uccisa negli Usa: il killer sarebbe ancora in fuga, ricercato dall’Fbi. La disperazione del padre, “abbandonato dalle istituzioni”

veronica de nitto chi lha visto 640x300
Veronica De Nitto, Chi l'ha visto

Chi l’ha visto riporta alla luce il caso di Veronica De Nitto, uccisa mentre dormiva, il 15 gennaio scorso negli Stati Uniti. Veronica, trentaquattrenne originaria di Latina, aveva un sogno: aprire un ristorante negli Usa. Conosce il fidanzato, Renato Yedra-Brisen in un grosso negozio di macelleria e da quel momento iniziano una relazione. Veronica è morta per mano di Renato, a Daly City, vicino a San Francisco, dove viveva da 8 anni, dopo aver raggiunto sua sorella, che si trovava già Oltreoceano. “E’ un’esperienza mostruosa”, confessa Luigi De Nitto il padre della vittima, davanti le telecamere di Chi l’ha visto. “Non è possibile, ancora oggi sembra che non sia mai accaduto”.

Il 14 gennaio Veronica accompagna la sorella incinta e prossima al parto ad una visita di controllo. Alle 18.00 si salutano con la promessa di risentirsi ma quella rimane l’ultima volta che Ilary vede sua sorella viva. Alle otto del mattino per la donna arriva il momento del parto, il vicino di casa avvisa il marito dicendogli che Veronica, era stata uccisa. Dalla ricostruzione fatta dagli inquirenti emerge che quella sera la donna ha avuto una discussione con il fidanzato e nella notte, mentre dormiva, lui l’ha accoltellata alla gola

L’assassino di Veronica De Nitto ricercato dall’FBI

Chi l’ha visto racconta tutto quello che è accaduto dopo la morte di Veronica De Nitto: l’assassino ha dato fuoco alla casa per cancellare le prove e si è dato alla fuga. “Si parla non solo di femminicidio ma anche di accanimento”– puntualizza De Nitto – “Questo personaggio ha avuto anche la freddezza di andare in un distributore prendere della benzina, tornare sul posto del delitto e dare fuoco alla appartamento”.

Renato Yedra-Brisen ha fatto perdere le sue tracce. E’ stata trovata la sua auto abbandonata, all’interno della quale sono state trovate un coltello, una bombola del gas, cocaina, biancheria femminile, una bottiglia di alcol e salviettine disinfettanti. L’assassino poi, con l’aiuto dello zio, è scappato in Messico e di lui si sono perse le tracce. Solo lo zio è stato arrestato per favoreggiamento. Oggi Renato Yedra-Brisen è uno degli uomini più ricercati della California. Il suo caso è passato all’FBI e sulla sua testa, pende una taglia di ben 10 milioni di dollari, molto di più di un narcotrafficante. Non si sa se questa persona avesse dei precedenti di un certo rilievo. Veronica sapeva con chi aveva a che fare? “Era la persona che se avesse avuto il timore che le avrebbe fatto del male, non sarebbe mai andata avanti” fa sapere sua sorella. Il padre si sente totalmente abbandonato dalle Istituzioni: non è potuto andare neanche negli Usa a dare l’ultimo saluto alla figlia.







© RIPRODUZIONE RISERVATA