Vertice Centrodestra su manovra Governo/ Salvini: “Siamo tutti d’accordo”

- Carmine Massimo Balsamo

Vertice Centrodestra: riunione Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia per parlare di misure economiche, manovra e scostamento di bilancio

sondaggi politici
Matteo Salvini, leader della Lega (LaPresse, 2020)

Si è tenuto oggi il vertice di Centrodestra per fare il punto della situazione sulla manovra messa a punto dal Governo. Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno firmato una nota congiunta e Matteo Salvini si è detto soddisfatto ai microfoni di Adnkronos: «Il vertice del Centrodestra è andato bene, siamo tutti d’accordo». Nel corso della riunione sono stati affrontati i dossier relativi a misure economiche, legge di bilancio e scostamento. «Nel corso dell’incontro è stata ribadita l’unità e la compattezza indiscutibile della coalizione. I tre partiti hanno dato mandato immediato a un gruppo di propri esperti affinché preparino un documento con proposte comuni da presentare al governo. Il centrodestra avrà una posizione unitaria in occasione del voto sullo scostamento di bilancio», si legge nel comunicato diramato pochi minuti fa.

VERTICE CENTRODESTRA: “RIBADITA UNITÀ E COMPATTEZZA COALIZIONE”

Non sono stati resi noti gli accordi raggiunti nel corso del vertice tra partiti di Centrodestra, ma un primo dato è arrivato nel pomeriggio: la coalizione si è astenuta in commissione congiunta Bilancio e Finanze del Senato sullo scostamento di bilancio di 8 miliardi. Ricordiamo che in commissione bilancio della Camera la Lega aveva voto no, FdI si era astenuto mentre Forza Italia non aveva partecipato al voto. Sulle prossime mosse della coalizione si è espresso così l’azzurro Mandelli a Coffee Break: «Io credo che l’idea di avere una federazione che metta a punto strategia comune sia necessaria: chiarirci sui temi grandi, su come affrontarli e come incidere con un Governo che ha bisogno di aiuto. Le audizioni di questi giorni sono state drammatiche: il Pd ha detto che dobbiamo rifare tutto a gennaio perché non si capiscono le coperture, Bankitalia e Corte dei Conti sostengono che vanno rimessi in riga i finanziamenti per trovare come coprire tutto quello che dobbiamo fare. La crisi non si svuota col cucchiaio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA