Viaggio in Sicilia/ Tra Baudo, Fiorello, Modugno e omaggio a Camilleri (Techetechetè)

- Raffaele Graziano Flore

Il “Viaggio in Sicilia” di Techetechetè: tra Pippo Baudo e Rosario Fiorello, ma anche il ‘pugliese’ Domenico Modugno e Carmen Consoli, oltre a un omaggio ad Andrea Camilleri

Techetechetè, viaggio in Sicilia
Techetechetè, viaggio in Sicilia (Rai, 2019)

Cita nientemeno che uno dei capolavori immortali di Johann Wolfgang Goethe la puntata di questa sera di Techetechetè, il format Rai che pesca dagli sterminati archivi del servizio pubblico alcuni dei frammenti video di programmi ed esibizioni che hanno fatto la storia della televisione. L’appuntamento di questa sera giovedì 1 agosto, realizzato e firmato da Emilio Levi, è infatti intitolato “Viaggio in Sicilia” e dalla preview che è stata diffusa su Twitter si capisce bene come la citazione dello scrittore tedesco sia una sorta di pretesto per intraprendere un viaggio tra i volti e gli artisti della antica Trinacria. Dalle anticipazioni fornite sugli account social del programma diventato oramai un classico serale di Rai 1 infatti si nota come non mancheranno ad esempio Pippo Baudo e lo scrittore Andrea Camilleri, scomparso di recente, ma anche Fiorello (che dei primi due è stato spesso imitatore, oltre che spalla comica) e senza dimenticare due mostri sacri della canzone di ieri e di oggi come Domenico Modugno e Carmen Consoli.

IL “VIAGGIO IN SICILIA” DI TECHETECHETE’

Nella puntata di Techetechetè in onda questa sera su Rai 1 dunque sarà la sicilianità il leitmotiv e non per forza intesa nel senso di essere nati nella splendida isola: infatti dall’anteprima proposta dai canali social del servizio pubblico si intravede un bellissimo fotogramma, ovviamente in bianco e nero, di Domenico Modugno mentre si esibisce in un programma dell’epoca. Nonostante tutti sappiano che lo storico cantautore e chitarrista fosse nato a Polignano a Mare, in Puglia, la sua presenza non è causale: infatti non solo per via del fatto che morì nel 1994 proprio a Lampedusa ma anche per il suo legame proprio con la tradizione cantautorale sicula e per quella leggenda secondo cui molti credevano che Modugno fosse siciliano dato che si confondeva il suo dialetto salentino. L’artista, peraltro, in una occasione dichiarò proprio di essere originario dell’isola (costretto da alcuni discografici e dirigenti Rai) e la cosa gli procurò le ire dei suoi conterranei. Figlia della Sicilia è pure la cantautrice Carmen Consoli, di cui probabilmente verrà proposta una delle prime esibizioni, quando ancora la vena rock e “arrabbiata” delle canzoni di quella che si faceva chiamare la Cantantessa non aveva ancora lasciato spazio al folk e a lavori più riflessivi in cui viene riscoperta non solo la lingua ma pure il patrimonio culturale di quella Catania che le ha dato i natali.

DA BAUDO A GULLOTTA, E L’OMAGGIO A CAMILLERI

Ma non saranno solo due dei principali esponenti della canzone italiana a cavallo tra due secoli i protagonisti del “Viaggio in Sicilia” di Techetechetè: infatti ci sarà spazio anche per due siciliani doc che hanno in comune non solo il fatto di essere dei conduttori ma spesso di aver duettato insieme. Come accennato, Rosario Tindaro Fiorello (originario anch’egli di Catania), non solo ha spesso imitato Pippo Baudo (nato nelle vicinanze pure lui, a Militello di Catania), ma ha presentato di recente pure lo speciale dedicato all’83esimo compleanno di uno degli storici volti del servizio pubblico. Ma andando indietro nel tempo ecco pure gli sketch di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, la coppia comica accomunata non solo da una vita assieme sul palcoscenico e il set (ma non solo) ma pure dal fatto che entrambi sono nati a Palermo e poi deceduti entrambi in quel di Roma. Inoltre, tra gli artisti menzionati nella preview della nuova puntata di Techetechetè c’è pure Leo Gullotta, il poliedrico attore, comico e doppiatore anche lui catanese e che oggi all’età di 73 anni è ancora sulla cresta dell’onda.



© RIPRODUZIONE RISERVATA