VIDEO/ Benevento Atalanta (1-4): gol e highlights, la Dea torna in corsa Champions

- Fabio Belli

Video Benevento Atalanta (risultato 1-4) gol e highlights, 17^ giornata Serie A. Gian Piero Gasperini sempre più su: “Campionato livellato verso l’alto, ma ci siamo anche noi”.

Gasperini Atalanta
Probabili formazioni Atalanta Napoli - Gasperini con De Roon (Foto LaPresse)

VIDEO BENEVENTO ATALANTA (1-4): LA DEA TORNA A VOLARE

L’Atalanta prosegue nella sua scalata in classifica, calando il poker anche sul campo del Benevento che pure aveva provato a beffare i bergamaschi. Dopo appena 2′ occasione per l’Atalanta con Ilicic che serve Gosens, la conclusione dell’esterno esce d’un soffio a lato. Gosens ci prova ancora al 12′ trovando l’opposizione di Montipò, l’avvio di gara è tutto dell’Atalanta col Benevento che fatica ad uscire dalla propria metà campo. Il duello Montipò-Gosens continua al 14′ con una respinta d’istinto di piede del portiere di casa sulla conclusione dell’avversario. Una deviazione di Dabo salva la porta di Montipò su una conclusione di Ilicic. Sono comunque le prove generali del gol che lo sloveno, assoluto mattatore di questo primo tempo, trova al 31′, con un colpo di biliardo pur chiuso dalla difesa di casa. L’Atalanta sfiora il raddoppio prima dell’intervallo, ancora con l’incontenibile Ilicic che coglie il palo su punizione.

VIDEO BENEVENTO ATALANTA: IL SECONDO TEMPO

Nella ripresa dopo 2′ Toloi si divora il raddoppio non riuscendo ad appoggiare praticamente a porta vuota. Subito dopo anche Freuler perde l’attimo, ciccando il pallone in area servito da Zapata. L’Atalanta spreca tanto e il Benevento la punisce: al 5′ cross a spiovere dalla sinistra di Pastina, sul secondo palo irrompe Sau che coglie un’esitazione di Gollini e sigla l’1-1. Triplo cambio per il Benevento al 13′: fuori Dabo, Lapadula e Sau, dentro Hetemaj, Di Serio e Insigne. Al 18′ l’Atalanta inserisce Malinovskyi al posti di Pessina, i bergamaschi riguadagnano campo e ad accendere di nuovo la luce ci pensa ancora Ilicic che passa in mezzo a quattro uomini e conclude di prima intenzione. Montipò respinge ma non può nulla sul tap-in vincente di Toloi. E’ una mazzata per il Benevento che capitola al 26′: cross di Ilicic, spunta Zapata che trova il settimo gol in campionato. A chiudere definitivamente la partita ci ha pensato Luis Muriel, subentrato al posto di Zapata e a segno al 42′ della ripresa, con una pennellata in campo aperto che fissa il risultato sull’1-4.

VIDEO BENEVENTO ATALANTA: LE DICHIARAZIONI DEI TECNICI

Nonostante il pesante ko, Filippo Inzaghi invita il Benevento ad avere fiducia. “Oggi erano tanti gli assenti, ma la squadra è stata brava. Abbiamo rischiato di essere pericolosi in due ripartenze sull’1-1 e poi abbiamo preso gol. Il secondo gol non è da subire perché eravamo messi meglio. Sull’1-1 la squadra ha fatto bene e ha dato tutta sé stessa. Poi è chiaro che l’Atalanta fa dei cambi ed è devastante. Noi abbiamo fatto tre partite in sei giorni con 10-12 assenti, ma sono felice perché ho fatto giocare tanti ragazzi. Era chiaro che potessimo pagare qualcosa, ma abbiamo fatto una buona gara. Siamo stati in partita fino al 2-1. Lì dovevamo essere più bravi, ma capita. Sul 2-1 Glik ha tolto la palla a Improta, probabilmente avremmo fatto il 2-2. Se affronti l’Atalanta con tanti assenti, nella terza partite in sei giorni, diventa tutto difficile. Ma nel frattempo abbiamo scoperto dei giovani bravi, come Pastina e Di Serio. Abbiamo una classifica invidiabile, con questo spirito potremo fare bene“. Gian Piero Gasperini vede l’Atalanta capace finalmente di cambiare marcia:  “Non era semplice affrontare un avversario in fiducia e che, nel suo stadio, aveva messo in difficoltà molte squadre di un certo livello. L’Atalanta ha iniziato finalmente il suo campionato, da qualche settimana sto vedendo quello che volevo e tutti i calciatori riescono a fare la differenza anche quando entrano dalla panchina. Sono molto soddisfatto, mostriamo una condizione psicofisica importante e questo ci sarà da stimolo per il futuro. Siamo in fiducia e stiamo disputando un buon campionato. Mai come quest’anno c’è grande livellamento verso l’alto e ci sono squadre ben attrezzate. Ma ci siamo anche noi“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA