Video/ Carpi Modena (0-1): highlights e gol, Tulissi firma il derby di Serie C

- Stefano Belli

Video Carpi Modena (0-1): highlights e gol, Tulissi firma il successo esterno nel derby di Serie C nel posticipo della 11^ giornata del girone B.

Nole_Modena_lapresse_2017
Video Modena Reggio Audace (Foto repertorio LaPresse)
Pubblicità

Il video con i gol e gli highlights di Carpi Modena 0-1 contiene le immagini salienti del derby emiliano che ha chiuso il programma dell’undicesima giornata di Serie C girone B. Vittoria importante per i geminiani che espugnando il Cabassi salgono a tre risultati utili consecutivi e prendono ulteriormente le distanze dalle zone basse della classifica, terzo KO in campionato per i biancorossi di Riolfo, puniti dal calcio di rigore trasformato impeccabilmente da Tulissi, ennesimo prospetto di sicuro avvenire proveniente dal vivaio dell’Atalanta che negli ultimi anni di talenti ne ha sfornati a bizzeffe. Accade tutto nella ripresa, dopo un primo tempo noioso che ha riservato ben poche emozioni con le due squadre impegnate più che altro a studiarsi e a non svelare troppo presto le rispettive carte. CLICCA QUI PER IL VIDEO CARPI MODENA

Pubblicità

VIDEO CARPI MODENA: LA CRONACA

La svolta arriva poco dopo il 50′ quando Lomolino si fa sfuggire Bearzotti che si invola verso la porta di Nobile, il terzino non ha altra scelta e commette fallo da ultimo uomo dentro l’area di rigore, inevitabile il rosso diretto e il penalty a favore degli ospiti. Dagli undici metri l’attaccante classe 1997 non sbaglia e segna quello che poi si rivelerà essere il gol decisivo che vale tre punti pesantissimi. Fondamentali anche le parate di Gagno che a più riprese ha impedito a Vano (l’uomo più pericoloso nelle fila dei padroni di casa) di pareggiare i conti nel finale, quando anche gli ospiti sono rimasti in dieci per l’espulsione di Ingegneri, autore anch’egli di un fallo da ultimo uomo su Jelenic. Ristabilita la parità numerica e con Zironelli costretto a sacrificare proprio il match-winner per ripristinare la difesa a tre con l’ingresso di Stefanelli, i padroni di casa tornano ad attaccare e a mettere paura agli avversari che stringono i denti e si chiudono a riccio nel disperato tentativo di proteggere il risultato fino al triplice fischio dell’arbitro D’Ascanio, costretto a mettere più volte mano ai cartellini per placare gli animi, tra i giocatori in campo la tensione ha spesso superato i livelli di guardia. Questo rende l’idea di come i protagonisti fossero consapevoli dell’importanza della posta in palio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità