VINCITORE SUPERENALOTTO A ITALIA SÌ/ Moglie: “35 milioni? Noi sfruttati dai parenti”

- Silvana Palazzo

Vincitore di 35 milioni di euro all’estrazione del Superenalotto si racconta a Italia Sì. “Ora mi sento solo”. Ma grazie al Jackpot lui e sua moglie sono riusciti a diventare genitori…

lotto_superenalotto_giochi_estrazioni_sisal_twitter_2017
Estrazioni del Lotto e Superenalotto

Sondess (nome di fantasia) racconta a Italia Sì come il marito le svelò di aver vinto trentacinque milioni di euro al Superenalotto: “Faremo un matrimonio da favola – mi disse – abbiamo vinto 35 milioni di euro. Io sono diventata bianca, mi tremavano le gambe. Noi siamo due operai, facciamo le mattine…ancora non me ne rendo conto. Mi chiedo: ‘Ma davvero posso fare un viaggio o fare la manicure?’. Un giorno mi chiamano per fare le pulizie in una casa: mi cade un vaso per terra, io non riesco a trattenermi e lo dico al mio datore di lavoro. Che è successo dopo? Tutti all’inizio ti cercano, poi tre anni dopo abbiamo capito che ci chiedevano soldi, favori, ma alla fine quando hai bisogno te c’è il buio. Parenti? Serpenti. Se ho avuto paura che Paolo dopo questa vincita mi lasciasse? Mai, perché io sono per lui l’amore della sua vita. Me lo ha sempre detto e sempre me lo dirà. (agg. di Dario D’Angelo)

VINCITORE SUPERENALOTTO A ITALIA SÌ

Un vincitore di 35 milioni di euro al Superenalotto ospite oggi a Italia Sì. Intervistato a casa sua, a volto coperto, racconta com’è cambiata la sua vita dopo la vincita incredibile. Dall’intervista emerge però un racconto inaspettato: l’uomo spiega di sentirsi solo e di aver dovuto prendere delle misure di sicurezza. Nel comprensorio in cui vive, ad esempio, c’è la vigilanza. «A mio figlio ho dovuto mettere una guardia del corpo», le dichiarazioni anticipate da Dagospia. E questo dopo essersi trasferito: non vive più infatti nel paese dove era prima, visto che tutti sanno che ha vinto al Superenalotto. «Per tre settimane sono andato al lavorare, poi non ce l’ho fatta più. Ho detto al titolare che avevo trovato un altro lavoro». Quel trionfo inaspettato è stato a lungo inseguito dall’uomo: racconta infatti che giocava da tempo gli stessi numeri, quelli che erano arrivati in sogno alla madre. Dopo aver vinto ha accarezzato anche il sogno di acquistare un club di calcio. «Stavo per comprare la Lazio, volevo comprare la Lazio». Ma poi ha realizzato un altro sogno. Grazie a quella vincita è riuscito ad avere un figlio. «Ci siamo potuti permettere la fecondazione assistita. Mia moglie a 51 anni ha avuto il nostro bambino».

VINCITORE SUPERENALOTTO A ITALIA SÌ “HO VINTO 35 MILIONI MA MI SENTO SOLO”

Nell’intervista che andrà in onda oggi a Italia Sì, e che in parte è stata anticipata da Dagospia, l’uomo racconta di essersi tolto molti sfizi. Ma i soldi fanno la felicità? Si sprecano le battute su questo, ma il vincitore del Jackpot di 35 milioni di euro del Superenalotto ha trovato la risposta a sue spese. «Ho fatto del bene a tanta gente, ho coperto debiti di amici. Ma adesso mi sento solo». Ad esempio, ha saldato il debito che un amico aveva con la banca: «Sono andato a cena a casa sua e gli ho fatto trovare sotto il piatto un mio assegno con i soldi che gli servivano a coprire il debito». Ad un altro amico ha pagato il mutuo. Ma ora si sente solo. Attraverso i microfoni del programma condotto da Marco Liorni ha voluto allora mandare un consiglio a colui (o colei) che ha vinto 209 milioni di euro a Lodi. «Non ti fidare di nessuno. Il 90% della gente che si avvicina lo fa solo perché vuole soldi». Gli unici amici veri che ha sono quelli che non gli hanno mai chiesto nulla. Qual è la spesa più pazza che si è concesso? «Un posacenere, l’ho pagato 500€. Però la cosa più bella è non avere preoccupazioni quando devi comprare qualcosa: se devo comprare la macchina ci metto 10 minuti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA