Vinicio Capossela/ Cresciuto a “pane e Celentano”

- Elisa Porcelluzzi

Vinicio Caposella sarà nuovamente ospite di Stefano Bollani e Valentina Cenni nella nuova puntata di “Via dei Matti numero 0”, in onda su Rai 3.

Vinicio Caposella Via Dei Matti 640x300
Vinicio Capossela con Stefano Bollani e Valentina Cenna (Instagram)

Questa sera, lunedì 19 aprile, inizia una nuova settimana di “Via de matti numero 0”, il programma di Stefano Bollani e Valentina Cenni in onda su Rai 3 alle 20.20 L’ospite di oggi sarà Vinicio Capossela, che lo scorso 29 marzo ha presentato un brano inedito nel salotto dei coniugi Bollani. A febbraio 2020 Capossela ha pubblicato l’EP “Bestiario d’amore”. Sul sito ufficiale dell’artista si legge: “L’Amore apre i cancelli allo zoo interiore che ci portiamo dentro… Non potendo evitare l’amore lo celebreremo quindi in forma di bestiario usando tutte le allegorie che la natura animale offre”. Il 14 febbraio 2020, Vinicio Capossela ha tenuto un concerto nella chiesa Union Chapel di Londra: “Siamo venuti a battezzare una nuova creatura perché l’amore sviluppa questa incapacità di distinguere la realtà oggettiva da quella interiore e dunque, se c’è una cosa che questo Bestiario ci insegna, è che non si basta a se stessi”, aveva detto aprendo lo spettacolo.

Vinicio Capossela: cresciuto a “pane e Celentano”

Vinicio Capossela nella sua prima partecipazione a “Via dei matti numero 0” aveva presentato il brano inedito “Woodoo Mambo”. Interrogato da Valentina Cenni ha detto: “La canzone cerca di portare luce, quel poco di divino che c’è. Siamo fatti di sputo divino. È così il racconto biblico. C’è lo sputo, ma anche il divano. Quindi nei nostri tentativi di affrancarci dalla creta che ci avvolge c’è qualcosa di divino, che diviene manifesto in questa piccola cosa del canticchiare, fischiettare e metterci qualche parola, che è forse il primo anello tra l’informa e qualcosa di più”. Stefano Bollani ha poi voluto parlare di Adriano Celentano: “È stato il dio di mio padre. Per anni è stato operaio e faceva i turni. A volte dormiva di pomeriggio e svegliandosi una volta ci disse di aver sognato Celentano. Sono cresciuto a pane e Celentano”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA