Vittorio Sgarbi vs Von der Leyen/ Video, “Una dem*nte messa dal M5s, ma vaffanc*lo!

- Davide Giancristofaro Alberti

Vittorio Sgarbi furia contro Ursula Von der Leyen: il critico d’arte si scaglia contro la presidente della Commissione Europea per le sue frasi sulle vacanze

Vittorio Sgarbi

La presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha invitato la popolazione mondiale a non prenotare le vacanze per la prossima estate. L’invito prudente della numero uno della C.E. va ovviamente ad iscriversi nell’emergenza coronavirus che stiamo vivendo in questi giorni, con un’incertezza che regna sovrana: nessuno saprà infatti dire quando usciremo dalla crisi, ne tanto meno, come ne usciremo. “Consiglio di aspettare a prenotare le vacanze estive. Per luglio e agosto attualmente nessuno può fare previsioni affidabili”, le parole della Von der Leyen ai microfoni del quotidiano tedesco Bild, per poi aggiungere, in merito ad eventuale risarcimenti per chi ha già prenotato con largo anticipo: “In tutta Europa si possono chiedere soldi oppure un buono. Ma in questa crisi si richiede solidarietà a tutti: a chi ne ha le possibilità finanziarie direi di non richiedere i soldi, in modo da aiutare le imprese operanti nel settore a superare queste difficili settimane”.

VITTORIO SGARBI NE HA ANCHE PER BURIONI

Parole che hanno fatto andare su tutte le furie Vittorio Sgarbi, opinionista d’arte e volto noto della televisione, che ospite in collegamento della trasmissione Quarta Repubblica, andata in onda ieri sera su Rete 4, durante la serata di Pasquetta, ha appunto sbottato così nei confronti della presidente della Commissione Europea: “Come si permette la presidente europea di toglierci la speranza di fare le vacanze? È una totale depensante! E’ una de*mente, vaffanc*ulo!”, costringendo il conduttore Nicola Porro ad intervenire. Durante il programma Sgarbi se l’è presa anche con Roberto Burioni, uno dei massimi esperti di virologia e immunologia del nostro paese, divulgatore scientifico rispettato e stimato: “Burioni ha deciso di sostituirsi anche al Papa dicendo che si può pregare anche a casa – ha aggiunto Sgarbi – scopriremo che siamo sotto una dittatura della scienza che ha un posizione, ma non una soluzione ad oggi. Dio quindi è fuori tema, Dio è morto”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA