Voto Maturità 2021, pubblicazione risultato/ Esami di Stato: se non si passa l’orale…

- Emanuela Longo

Maturità 2021 e pubblicazione del risultato finale: come e quando avviene? L’ordinanza ministeriale fa chiarezza anche nel caso in cui non si dovesse superare la prova

Maturità, esame orale
Esame di Maturità in epoca Covid: il colloquio orale (LaPresse)

La Maturità 2021 è in corso e per la seconda volta gli studenti che affrontano i fatidici esami di Stato anche quest’anno dovranno sostenere solo la prova orale con un colloquio. Dopo aver affrontato il temuto esame, dunque, si può tirare un sospiro di sollievo anche se il pensiero dei maturandi sarà sempre lo stesso: quando saranno pubblicati i risultati? A fornire la risposta e l’ordinanza ministeriale del 3 marzo scorso, come rammentato anche dal portale Orizzonte Scuola, che spiega cosa accade per la pubblicazione dei risultati dopo l’esame.

E’ l’articolo 25 della suddetta ordinanza del ministero che chiarisce ogni dubbio sulla pubblicazione dei risultati. Viene infatti specificato che l’esito dell’esame di Maturità con l’indicazione del voto finale conseguito – inclusa l’eventuale menzione di lode attribuita dalla sottocommissione – viene pubblicato una volta concluse le operazioni tramite tabelloni affissi presso “l’istituzione scolastica sede della sottocommissione” e solo nell’area documentale riservata del registro elettronico cui possono accedere gli studenti della classe di riferimento.

VOTO MATURITÀ 2021, PUBBLICAZIONE RISULTATO: COME AVVIENE

Chiarito come avviene la pubblicazione del voto finale conseguito al termine della Maturità 2021, cosa accade invece nel caso in cui non si dovesse superare la prova orale? In questa funesta ipotesi, si legge nella medesima ordinanza ministeriale (articolo 25, comma 1), ci sarà la sola indicazione della dicitura “non diplomato” accanto al nome dello studente. Una dicitura che in tanti maturandi sperano proprio di poter evitare. Il punteggio finale, si legge ancora, viene riportato dalla sottocommissione sulla scheda di ciascun candidato e sui registri d’esame. Infine, nei casi in cui gli studenti più meritevoli abbiano conseguito il voto di cento/centesimi con l’attribuzione anche della lode, sarà l’istituzione scolastica ad avere il compito di procedere all’acquisizione del consenso da parte degli stessi studenti al fine di pubblicare il relativo nominativo nell’Albo nazionale delle eccellenze.



© RIPRODUZIONE RISERVATA