Walter Zenga e Totò Schillaci hanno rifiutato il Grande Fratello Vip/ I motivi

- Chiara Ferrara

Walter Zenga e Totò Schillaci sarebbero dovuti entrare nella casa del Grande Fratello Vip, ma hanno rifiutato l’invito: ecco perché

L’allenatore di calcio Walter Zenga
L’allenatore di calcio Walter Zenga

Walter Zenga Totò Schillaci hanno rifiutato di entrare nella casa del Grande Fratello Vip. La produzione aveva contattato i due ex calciatori, ma questi ultimi hanno declinato l’invito. A svelarne i motivi è stato Gabriele Parpiglia, giornalista esperto di gossip, nel corso di Casa chi.

Le ragioni dei due “no”, in base a quanto rivelato da Gabriele Parpiglia, sarebbero in entrambi i casi di natura economica. Walter Zenga Totò Schillaci, infatti, non hanno ritenuto consono alla propria notorietà il cachet offerto dal programma di Canale 5. Da qui la scelta della produzione di virare su altri personaggi del mondo dello spettacolo, i quali probabilmente hanno saputo maggiormente “accontentarsi”. Uno di questi è l’ex schermidore Aldo Montano, che secondo l’esperto di gossip non era tra i primi della lista ed è stato chiamato proprio per sostituire l’ex portiere dell’Inter. Nella casa più spiata d’Italia, ad ogni modo, ci sono tanti volti rilevanti: da Katia Ricciarelli Carmen Russo.

Walter Zenga e Totò Schillaci hanno rifiutato il Grande Fratello Vip: Gabriele Parpiglia svela perché

L’esperto di gossip Gabriele Parpiglia, nel corso di Casa Chi, non ha dunque nascosto le ragioni per cui Walter Zenga Totò Schillaci hanno rifiutato di partecipare al Grande Fratello Vip. Le trattative in entrambi i casi non sono andate a buon fine per questioni economiche.

Per quanto riguarda Totò Schillaci, in particolare, il giornalista ha voluto raccontare anche un aneddoto. “Il calciatore ex Inter Juventus pare che non abbia accettato perché è proprietario di 6/7 pizzerie in Croazia ed ha dichiarato che con 2/3 week end faceva il cachet che gli era stato offerto dagli autori del Grande Fratello Vip”, ha detto. La notorietà del format, dunque, non era tra gli interessi del palermitano, che attendeva quantomeno una offerta economica più allettante. Nulla da fare.



© RIPRODUZIONE RISERVATA