Whatsapp, virus file Mp4: privacy a rischio/ Hacker in azione, Facebook consiglia…

Allarme per tutti gli utenti Whatsapp: un virus contenuto da un file Mp4 mette a rischio la privacy e la sicurezza dei dati.

Whatsapp
Immagine di repertorio

Whatsapp sotto attacco e con lui tutti gli utenti. A lanciare l’allarme è direttamente Facebook, che ha consigliato di aggiornare l’applicazione all’ultima versione: nella precedente, infatti, si corre il rischio di scaricare un file Mp4 contenente un virus in grado di mettere a rischio la sicurezza delle chat, nonché la privacy di dati sensibili. Gb Hackers sottolinea che al momento non sono state registrate segnalazioni di sfruttamento dei dati, ma c’è un dato da non sottovalutare: come riporta Repubblica, i vertici dell’azienda hanno fatto causa alla società Nso, rea di aver orchestrato attacchi diretti a 1400 utenti tramite uno spyware. All’insaputa dell’utente, l’hacker ha la possibilità di scaricare e installare sui dispositivi un malware. Queste le versioni interessate dal problema: 2.19.274 su Android (e alla 2.19.104 per quanto concerne WhatsApp Business), alla 2.19.100 su iOS (e alla 2.19.100 per Business), e pari o inferiori alla 2.18.368 su Windows Phone.

WHATSAPP, VIRUS SU FILE MP4 METTE A RISCHIO LA SICUREZZA

Dopo l’allarme di un clone dell’app di messaggistica registrato un anno fa, Whatsapp al centro di un nuovo caso: questa volta è direttamente il sistema di WA ad essere finito nel mirino degli hacker e Facebook è pronto a prendere contromisure. Un portavoce del colosso di proprietà Zuckerberg ha sottolineato: «Lavoriamo costantemente per migliorare la sicurezza del servizio: rediamo pubblici i potenziali problemi che abbiamo, risolvendoli con le migliori pratiche del settore». E la società tiene a rassicurare che «in questo caso non ci sono motivi di credere che gli utenti siano stati colpiti». Per essere certi di non finire vittima del virus e dunque degli hacker, è necessario mantenere l’applicazione aggiornata e non aprire alcun tipo di file o filmato proveniente da fonte sconosciuta.



© RIPRODUZIONE RISERVATA