Will Hunting Genio ribelle/ Streaming del film su Italia 1 premiato agli Oscar

- Matteo Fantozzi

Will Hunting Genio ribelle sarà trasmesso oggi, giovedì 30 dicembre, su Italia 1 alle ore 21.20. La trama del film

will hunting genio ribelle 2019 film 640x300
Will Hunting Genio ribelle

Will Hunting Genio ribelle è “la storia di un genio premiata con il Premio Oscar agli sceneggiatori Matt Damon e Ben Affleck”. Nicola Falcinella su MyMovies promuove nettamente il film con tre stellette e mezzo su cinque e specifica: “Il film è un solido dramma incentrato su un giovane molto particolare”. Sono tre le stellette invece recapitate all’opera da ilMorandini e leggiamo: “Questo è un film complesso nella sua apparente semplicità, paradossalmente a metà strada tra Belli e Dannati e L’attimo fuggente. Il film tocca molti temi: l’isolamento, la ricerca di un padre, il diritto e dovere di liberarsi di un’infanzia difficile, la difficoltà di vivere di genio”. Film commovente per alcuni tratti potrebbe non essere adatto, per l’intensità del suo messaggio, a una visione di bambini non accompagnati. Will Hunting Genio ribelle lo vedremo in prima serata su Italia 1. Clicca qui per seguire il film in diretta streaming su MediasetPlay.

Will Hunting Genio ribelle su Italia 1

Il film Will Hunting Genio ribelle ha ottenuto un grande successo sia sulla critica che ai botteghini, grazie sopratutto ad un cast ricco di nomi altisonanti. Da Robin Williams a Matt Damon, passando per Ben Affleck e Casey Affleck. Inoltre, la pellicola nasce per dare il giusto tributo a due scomparse molto sentite, ovvero quella del poeta Allen Ginsberg e dello scrittore William Burroughs. L’ottimo successo del progetto è stato coronato anche da diversi riconoscimenti; agli Oscar ha ottenuto infatti il premio come miglior attore non protagonista e come migliore sceneggiatura. Attenzione anche alla prova superba di Cole Hauser nel ruolo di Billy McBride doppiato nella versione italiana dal sempre pronto Luigi Ferraro. Nato a Santa Barbara il 22 marzo del 1975 l’attore americano ha debuttato sul grande schermo nel 1992 in Scuola d’onore di Robert Mandel, mentre sul piccolo l’abbiamo visto in diverse serie tv note come per esempio ER Medici in prima linea. In Italia è stato doppiato tra gli altri anche da Francesco De Francesco e Francesco Prando.

Will Hunting Genio ribelle, film diretto da Gus Van Sant

Will Hunting Genio ribelle sarà trasmesso oggi, giovedì 30 dicembre, su Italia 1 alle ore 21.20. Ci troviamo di fronte a film drammatico prodotto negli Stati Uniti d’America nel 1997 e diretto da Gus Van Sant. Protagonisti assoluti sono Robin Williams e Matt Damon, ma non solo perché nel cast troviamo anche Ben Affleck, Minnie Driver, Stellan Skarsgard, Casey Affleck, Cole Hauser, Scott William Winters e George Plimpton. Solo in nord America il film incasso la cifra incredibile di 138 milioni di dollari, con 87.5 nel resto del mondo. Si tratta di un risultato incredibile considerando anche il fatto che il budget era appena di 10 milioni.

Will Hunting Genio ribelle, la trama del film: un talento straordinario

Will Hunting Genio ribelle racconta la storia di Will, un giovane ragazzo originario della periferia di Boston che non vive proprio una vita dignitosa. Will si guadagna da vivere facendo le pulizie all’interno dell’istituto di matematica della città, mentre nel tempo libero spesso si rende partecipe di vere e proprie risse dopo aver alzato troppo il gomito con gli amici. Nonostante un carattere particolare che gli impedisce di avere una socialità ben definita, il ragazzo nutre anche numerose passioni e risulta appassionato di cultura.

In particolare, all’insaputa di molti ha una spiccata intelligenza che lo rende particolarmente incline alla matematica, anche in operazioni e calcoli particolarmente ostici e complessi. Infatti, un giorno uno dei professori dell’istituto per il quale lavora, decide di lanciare una sfida ai suoi studenti scrivendo una operazione matematica complicatissima alla lavagna. Nonostante svariati tentativi, nessuno studente sembrava riesce a trovare la soluzione al problema.

Una volta solo, Will riesce invece a trovare la soluzione in poco tempo per lo stupore generale dell’istituto il giorno successivo. Nonostante meritasse una degna premiazione ricca di lodi, il giovane non ha il coraggio di palesarsi quando il professore chiede insistentemente di conoscere l’autore della soluzione. A quel punto, decide nuovamente di lanciare una sfida agli studenti annunciandola addirittura più complessa della precedente.

Durante la notte Will riesce a risolvere anche questo quesito matematico, ma viene colto sul fatto dal professore e il suo assistente che inizialmente lo scambiano per qualcuno intento unicamente ad imbrattare la tesi. Solo alcuni attimi dopo si rendono conto che l’uomo aveva trascritto nuovamente la soluzione corretta. Nel frattempo il giovane ha modo di conoscere una ragazza con la quale sembra riuscire ad intrattenere una sorta di rapporto, nonostante le sue palesi difficoltà. Si tratta di Skylar, una brillante studentessa frequentante l’istituto di Harvard. Poco dopo però, Will viene coinvolto nell’ennesima rissa di strada che questa volta gli costa l’arresto.

A grande sorpresa, viene a fargli visita in carcere il professore autore dei due quesiti che lui era riuscito a risolvere, con una proposta davvero interessante. In cambio della sua scarcerazione, chiede unicamente che l’appassionato di matematica segua assiduamente le sue lezioni e si dedichi alla visita regolare di uno psicologo. Il ragazzo chiaramente accetta e dopo aver trovato poca intesa con diversi specialisti, inizia a fidarsi dei metodi di Sean Maguire. Infatti, nonostante un inizio difficile, lo psicologo trova la chiave giusta per destare l’interesse di Hunting, facendo breccia nella sua emotività. Sean inizia ad aprirsi per primo con il ragazzo, raccontando la triste storia della sua vita fatti di perdite e sofferenze, come ad esempio la morte della moglie.

Il confronto con un’altra vita sofferta spinge il genio della matematica a sentirsi più fiducioso riuscendo così a portare avanti il percorso psicologico con serietà e diligenza. Nel frattempo il rapporto con Skylar continua ad essere turbolento; in realtà la ragazza quasi non accetta la genialità di Will, spesso capace di riuscire in poco tempo a trovare soluzioni anche per i suoi problemi, generandole irritazione. Inoltre, i problemi nel rapportarsi alle persone del ragazzo fanno si che non riesca a dettare i tempi giusti delle scelte e delle parole per la ragazza. Inizia una fase ricca di dubbi per il ragazzo, sopratutto dopo il referto mostratogli da Sean.

Lo psicologo infatti gli diagnostica un problema relazionale, in particolare riguardante il forte timore di essere abbandonato. Inoltre, Will non sembra convinto di dare un reale seguito alle sue capacità, dimostrandosi sia al medico che al suo migliore amico poco convinto di gettarsi nel mondo della matematica per il futuro. Fortunatamente però, grazie alle insistenze dei due, ben presto il giovane talento inizia a valutare diverse proposte lavorative proprio nel campo della matematica, riuscendo ad ottenere i successi meritati. Alla fine, sceglie di mollare tutto e di andare in California da Skylar, per dimostrarle tutto il suo amore.

Video, il trailer del film “Will Hunting Genio ribelle”







© RIPRODUZIONE RISERVATA