Mac Pro, com’è la workstation Apple/ WWDC 2019: prezzo e design fanno discutere

- Matteo Fantozzi

Il Mac Pro 2019 è stato presentato nelle scorse ore al Wwdc: si tratta di uno dei computer più potenti al mondo

Apple Tv+ presentata ieri
Apple Tv+ (Yt)

Tanta potenza per il Mac Pro 2019, ma costa quanto un’auto. Questo computer dalla potenza spaventosa sta facendo discutere per il suo design. È infatti molto diverso da quello del suo predecessore, ma richiama i modelli precedenti. Nell’ingegnerizzazione di questa workstation non è stato lasciato nulla al caso, anche perché tutto va studiato alla perfezione con componenti di quel livello e per un corretto raffreddamento dell’elettronica, ma non mancano le critiche. Questo nuovo Mac Pro è pieno di fori proprio per favorire il circolo dell’aria, ma in rete girano già i primi fotomontaggi in cui il nuovo Mac Pro viene paragonato ad una grattugia per il formaggio. Ma non è tutto: la configurazione top di gamma potrebbe superare i 30mila euro secondo The Verge. Se in ogni caso avete intenzione di acquistare questa workstation, dovete aspettare l’autunno 2019, quando sarà disponibile il nuovo Mac Pro. Ora vi conviene mettere già da parte qualcosa… (agg. di Silvana Palazzo)

APPLE WWDC 2019: ARRIVA IL NUOVO MAC PRO

I Mac Pro 2019 (da non confondere con i MacBook Pro) hanno rubato la scena durante il WWDC 2019 iniziato nella giornata di ieri n quel di San Jose, California. Si tratta di computer fissi che hanno una potenza di calcolo a dir poco mostruosa, che sono dedicati esclusivamente ai professionisti che lavorano nel campo della grafica e del video, e che costano svariati migliaia di euro. Si parte infatti da un “entry level”, da 5.999, quanto una piccola automobile, una “belva” dotata di un CPU Intel Xeon 8 core, 32 Gb di memoria Ram, una scheda video singola Radeon Pro 580X e un disco SSD da 256 GB. Inoltre, la Apple ha presentato anche il nuovo monitor professionale Pro Display XDR, con pannello Retina da 32 pollici, in risoluzione 6K che va dai 4.999 ai 5.999 dollari. Se qualcuno volesse assicurarsi entrambi, dovrà quindi sborsare un minimo di 11mila dollari, che al cambio fanno circa 10mila euro. Le caratteristiche tecniche sono comunque “imbarazzanti”, visto che un Mac Pro può essere equipaggiato al massimo con un processo Intel Xeon W-3175X con 28 core a 3,1 GHz del valore di circa 3.000 dollari, una ram massima da ben 1.5 terabyte, e due SSD da 2 terabyte ciascuno per un totale di ben 4 terabyte. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

APPLE WWDC 2019: TUTTE LE NOVITÀ

Il Wwdc 2019 si è svolto al San Jose Convention Center in California, dove sono state presentate tutte le novità legate al mondo Apple. Presente era il Ceo dell’azienda Tim Cook che ha parlato sul palcoscenico, spiegando agli sviluppatori tutte le ultime strategie di una delle aziende più potenti del mondo. Tra le grandi novità c’è di sicuro l‘Apple TV+ che mostra delle interessanti migliorie e che da poco ha lanciato il trailer della serie tv sulla Nasa All Man Kind, uno show tv di Ron Moore. L’ultimo sistema operativo nato è TvOS che avrà soprattutto attenzione alla musica, con video e testi in sincrono con le canzoni. Naturalmente all’interno di questo pacchetto troveremo anche i videogame con AppleTv che supporterà i controller della Playstation 4 e della Xbox One. Questo permetterà un esperienza videoludica davvero molto performante.

APPLE WWDC 2019: GRANDI ESPERIENZE IN RAMPA DI LANCIO

Sono molte le esperienze in rampa di lancio per la Apple, presentate durante il Wwdc 2019. Tra queste arriverà WatchOS 6 con nuove Watch Faces. Tra queste spiccano di sicuro gli audiolibri e anche la possibilità di svilupparli via streaming. Verrebbe da dire un app per tutto, visto che si è parlato a lungo anche della possibilità di lavorare per la nostra salute e sull’ambiente, una scelta dunque per salvaguardare l’uomo e ciò che lo circonda. Passiamo poi alle novità di meno rilievo, ma che comunque appassionano gli amanti dell’hi tech. Tra queste non mancano le animoji che diventeranno stickers e permetteranno di avere una fruibilità diversa. Attenzione poi al nuovo Mac Pro che sarà un prodotto veramente rivoluzionario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA