Yvonne Sciò e Naomi Campbell, da amiche all’aggressione subita nel 2005/ “Si è trasformata in una belva”

- Elisa Porcelluzzi

Nel 2005 Yvonne Sciò denunciò la top model Naomi Campbell per aggressione: “Scattò dal niente, non riuscii a difendermi”.

Naomi Campbell
Naomi Campbell a BBC Newsnight

Ad agosto 2005 Yvonne Sciò denunciò l’amica Naomi Campbell, dopo essere stata aggredita nel lussuoso albergo Eden di Roma nel luglio dello stesso anno. “Io Yvonne Sciò sono stata aggredita da Naomi Campbell”, riportava la denuncia presentata al commissariato romano di Castro Pretori con allegati i referti dell’ospedale San Giacomo dove l’attrice italo-americana è stata medicata: profonda lacerazione al labbro superiore ed ecchimosi su tutto il corpo. La Campbell dichiarò di essersi arrabbiata con la Sciò poiché entrambe indossavano un vestito molto simile. Versione smentita dalla Sciò: “Le stavo facendo un discorso sul senso di fare figli, di mettere su una famiglia, e lei si è trasformata in una belva”, ha rivelato l’attrice su Vanity Fair. Nel novembre 2005, infatti, la Sciò sposò l’imprenditore Stefano Dammico e nel 2008 è diventata mamma.

Yvonne Sciò e la causa contro Naomi Campell

Nel 2007 Naomi Campbell ha indennizzato con poco meno di trecentomila euro l’attrice Yvonne Sció. Secondo il tabloid domenicale “Mail on Sunday” la top model e l’ormai ex amica hanno raggiunto un accordo extragiudiziario. Dieci anni dopo, nel 2015, Yvonne Sciò ha diretto il documentario “Roxanne Lowit Magic Moments”, celebre fotografa di moda. Ma nelle interviste del film manca quella a Naomi Campbell: “L’ho incrociata a Parigi e sono stata tentata di avvicinarmi e chiederle un contributo. Poi ho ricordato la causa che le feci – e che vinsi – perché si rifiutò di chiedermi scusa pubblicamente. E ho avuto paura mi lanciasse dal balcone”, ha confessato l’attrice a Vanity Fair.



© RIPRODUZIONE RISERVATA