Zlatan Ibrahimovic “Covid? Io ho vinto ma tu non sei me”/ Video per Regione Lombardia

- Davide Giancristofaro Alberti

Il video di Zlatan Ibrahimovic per Regione Lombardia per sensibilizzare all’uso della mascherina: “Non sfidare il covid, tu non sei Zlatan”

ibrahimovic lombardia 2020 yt 631x300
Zlatan Ibrahimovic per Regione Lombardia (Youtube)

Zlatan Ibrahimovic è guarito dal coronavirus senza riportare praticamente “alcun graffio”, ma non tutti hanno il fisico e la tempra del campione del Milan. Lo sa benissimo lo stesso Ibrahimovic, che ha girato un video per la Regione Lombardia, attraverso cui ha invitato le persone, in particolare i giovani e gli adolescenti (quelli che sembrano aver meno capito la pericolosità del coronavirus), a non sfidare la sorte e a rispettare le varie misure di restrizione, a cominciare da mascherine e distanziamento. “Il virus mi ha sfidato e io ho vinto – le parole del centravanti di Malmoe nella campagna di sensibilizzazione per la Regione, in un video pubblicato sui social, girato al 39esimo piano di Palazzo Lombardia – ma tu non sei Zlatan, non sfidare il virus”. Quindi l’attaccante del Milan ha aggiunto e concluso: “Usa la testa, rispetta le regole, distanziamento e mascherina, sempre. Vinciamo noi”.

ZLATAN IBRAHIMOVIC, FRA IL VIDEO PER LA LOMBARDIA E LO SPARTA PRAGA

La speranza è che il video di Ibrahimovic possa avere gli effetti sperati, nel frattempo, questa sera rivedremo in campo lo svedese per la sfida di Europa League fra il Milan e lo Sparta Praga. Il tecnico Stefano Pioli non intende rinunciare al suo uomo di punta anche se in ballo vi è un match senza dubbio alla portata degli uomini rossoneri. “Se chiedo a Zlatan – ha spiegato Pioli in conferenza stampa senza troppi giri di parole – lui mi dice che vuole giocare sempre”. E così sarà. Da quando Ibrahimovic è rientrato in campo dopo aver sconfitto il coronavirus, è stato titolare contro l’Inter, il Celtic di Glasgow e la Roma, segnando quattro gol in totale e confermandosi sempre più leader non soltanto del reparto avanzato ma dell’intera squadra meneghina. Nonostante i 39 anni da poco compiuti (lo scorso 3 ottobre), lo svedese sembra migliorare sempre più, e contro la squadra di Praga ci sarà lui in posizione più avanzata, spalleggiato molto probabilmente dal trio Castillejo, Krunic e Brahim.



© RIPRODUZIONE RISERVATA