SPECIALI / Elezioni Usa 2008

E' stata l'elezione più attesa degli ultimi due anni, che ha rinnovato la classe dirigente della maggiore democrazia occidentale e che ha visto schierati come rare volte la gente comune e i capi di Stato quasi "scesi in campo" per parteggiare per Barack Obama o John McCain. In questo speciale, ilsussidiario.net raccoglie le opinioni di politologi, economisti, giornalisti e gente comune di ogni parte del mondo a commento di quello che è stato un evento di portata storica e che segnerà la politica internazionale per i prossimi quattro anni

ELEZIONI USA/ E' tra la gente il motivo della sconfitta dei Repubblicani

La mancanza di credibilità dei Repubblicani ha giocato un riolo determinante nella vittoria di Barack Obama. Le bugie per giustificare la guerra in Iraq sono state pagate a prezzo altissimo e molti elettori repubblicani, come anche cattolici, hanno optato per il senatore dell'Illinois. Per il partito dell'elefantino  si apre un lungo periodo di riflessione. DINO D'AGATA da Washington ci racconta il clima che si respira negli Usa tra la gente comune

ELEZIONI USA/ Politica, elettori ed educazione: il voto è solo questione di marketing?

OHIO - MAX BONILLA - La campagna elettorale in america è spesso impostata come un grande momento in cui il marketing regna sovrano e in cui i voti degli elettori sono da conquistare agitando gli spauracchi di nuove tasse o di potenziali politiche irrispettose dell'ambiente. Ma la decisione di un elettore è proprio solo determinata dalle leggi del marketing?  VOTA IL SONDAGGIO.

Il voto cattolico nelle elezioni americane

MINNESOTA - SHARON MOLLERUS - Come si sono mossi storicamente da una punto di vista elettorale i cattolici americani? Sono a favore dei democratici o dei repubblicani? Nella risposta a queste domande si fa strada una chiave di interpretazione del voto di domani. VOTA IL SONDAGGIO.

ELEZIONI USA/ Se essere pro-life non "rende" più: «Non buttiamola sul ‘partito della vita’»

Non è facile da individuare un partito pro-life, perchè dopo otto anni di Amministrazione Bush l’aborto – non che ci fosse da aspettarsi altro – se ne sta ancora lì. Ma come cattolici sappiamo che c’è solo un luogo in cui la libertà può essere pienamente affermata e questo luogo non è né il partito Repubblicano, né quello Democratico. È solo la Chiesa. RIRO MANISCALCO da New York descrive l'imbarazzo cattolico nella scelta del 4 novembre

ELEZIONI USA/ La grande attesa del verdetto e il pericolo di cercare la felicità in un esito politico

La candidatura di Barack Obama sta assumendo significati sociali mai visti prima per un candidato presidente. I sostenitori del senatore dell’Illinois, guardano al loro candidato come ad un “contenitore presidenziale aperto, in cui molti riversano i loro sogni politici” (Daniel Henninger, Wall Street Journal). MARIA ELENA MONZANI spiega a ilsussidiario.net lo strano fenomeno di un'America in crisi economica che sembra riporre il suo desiderio di felicità nell'esito della contesa elettorale. VOTA IL SONDAGGIO.

ELEZIONI USA/ Oltre la muraglia del politically correct

La crisi economica è arrivata anche a minacciare moltissime delle realtà formative con cui gli studenti si trovano ad interagire prima del fatidico quatttro Novembre. MARTINA SALTAMACCHIA racconta a ilsussidiario.net  sogni, aspettative e speranze degli alunni di uno dei college più "in" d'America

WASHINGTON/ La libertà di scelta, per la vita

WASHINGTON - THERESA FAMOLARO - Le elezioni presidenziali sono alle porte, ma di questo non si parla. Cioè non si parla del Freedom of Choice Act, la proposta di legge diventata centrale per la probabile presidenza del candidato democratico Barak Obama che già il 17 Luglio del 2007 in un discorso al “Planned Parenthood Action Fund” dichiarò: “La prima cosa che farò come Presidente è firmare il Freedom of Choice Act”.

USA/ Weigel: principi morali sbagliati possono facilmente corrompere le professioni e le leggi

La cultura in America non è più tema di riflessione pubblica. George Weigel, autore di una biografia su Giovanni Paolo II, e intervistato da Robert F. Conkling in occasione della 77° Conferenza annuale sull'Educazione dell'Associazione Cattolica dei Medici Americani (svoltasi a Baltimore il 9-12 ottobre), sottolinea come il papa polacco abbia rilevato «l'importanza di una vibrante cultura morale pubblica in democrazia». E, in campo sanitario, i rischi di un giudizio male indirizzato

REBUS/ Capire chi è Barack Obama è la chiave per decifrare la partita

NEW YORK - CARLO LANCELLOTTI - Nella corsa alla casa bianche non tutti e due i candidati sono facili da collocare nel quadro politico e culturale. Barack Obama è una figura in divenire, capace di sintetizzare posizioni estreme, anche a costo di non rivelare la propria identità. E' proprio nella comprensione di questo punto la chiave per capire come andranno le elezioni

ILLINOIS/ Il sistema dei due partiti: quando la scelta è obbligata

CHICAGO - JAMES A. KOVACS - Molti Americani, pur frustrati da ciò che i due maggiori partiti offrono come alternativa, si sentono impotenti a fare altro che non scegliere una delle due parti. Malgrado vi siano molti altri partiti e candidati indipendenti, pochi di loro sono riusciti ad avere un impatto a livello nazionale, anche per una certa mancanza di personalità dei loro candidati.

GLI ARCHIVI DEL SPECIALI