SPECIALI / La dittatura dei diritti

In questi ultimi anni si assiste alla rivendicazione come diritto di qualunque pretesa soggettiva. La traiettoria dei diritti-desiderio culmina nella inevitabile dimensione politica delle sentenze dei giudici. Esiste una “verità” della giustizia? Quali pretese può avere la soggettività nella pratica del diritto? Siamo giunti storicamente ad una “resa dei conti” che (ri)mette in questione la giustizia, il soggetto e la ragione umana