SPECIALI / Marija Judina, la pianista che commosse Stalin