BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Video Avellino-Vicenza (risultato finale 0-1)/ Gol, sintesi e highlights (Serie B 2014-2015, 14^ giornata)

Il video di Avellino Vicenza, risultato finale 0-1: gli highlights della partita valida per la 14^ giornata del campionato di Serie B 2014-2015. Decide uno splendido gol di Andrea Cocco

Foto InfophotoFoto Infophoto

Gran colpo esterno del Vicenza, che batte l’Avellino 1-0 al Partenio e sale in classifica migliorando la propria situazione. Per Pasquale Marino arriva la prima vittoria sulla panchina dei biancorossi; un a partita che i veneti hanno saputo portare a casa soffrendo e difendendosi, ma riuscendo anche a rendere sterile l’attacco irpino che può vantare in Castaldo il capocannoniere del torneo. I numeri raccontano molto del match: l’Avellino ha avuto il 56% di possesso palla e ha tirato 13 volte in porta, ma è stato impreciso (3 conclusioni nello specchio) mentre il Vicenza ha capitalizzato alla grande l’unico tiro (su 4) che ha centrato i pali. Gli irpini hanno spesso e volentieri tenuto in mano la supremazia territoriale (12 minuti e 22 secondi contro i 7 e mezzo vicentini) ma non sono riusciti a essere concreti, chiudendo con una pericolosità bassa (35,5%). Moussa Kone è il giocatore che ci ha provato di più (tre conclusioni) ma raramente è stato pericoloso; Comi, D’Angelo e Zito ci hanno messo due tiri a testa; spesso però la formazione di Massimo Rastelli ha dovuto manovrare con i suoi difensori, come si evince dal fatto che Pisacane e Chiosa sono primi nei passaggi andati a buon fine con, rispettivamente, 58 e 56. Nel Vicenza benissimo Brighenti e Pol Garcia, sempre attenti e con 50 recuperi combinati. 

Gran pezzo di bravura di Andrea Cocco al 27’ minuto per la sua terza rete in campionato: Laverone prende la fascia destra e mette al centro un cross morbido, Cocco si stacca dalla marcatura e appena dentro l’area di rigore si gira al volo con il destro, colpendo il pallone a mezz’altezza e spendendolo all’angolo alla sinistra di Alfred Gomis, che non può fare altro che applaudire il gesto tecnico che decide la partita.