Probabili formazioni / Olympiacos Juventus: mosse dalla panchina. Diretta tv, orario, notizie

- Claudio Franceschini

Probabili formazioni Olympiacos Juventus: diretta tv, orario e notizie live. I bianconeri vanno a caccia della qualificazione agli ottavi di Champions League (6^ giornata girone D)

Juventus_Olympiacos_Higuain_gol_lapresse_2017
Probabili formazioni Olympiacos Juventus (Foto LaPresse)

Parlando della composizione delle panchine in Olympiacos Juventus, abbiamo brevemente accennato al fatto che Massimiliano Allegri dovrà operare delle scelte anche per stabilire quali saranno i sette giocatori che saranno a disposizione per la partita del Pireo. Gli spazi sono ridotti: tecnicamente si punterebbe su due giocatori per ruolo più il portiere (ovviamente Wojciech Szcesny), in realtà il tecnico della Juventus potrebbe rinunciare a un difensore per avere più versatllità nelle sue alternative. Cosa significa? Significa che in panchina andrebbe un solo centrale arretrato, magari con Kwadwo Asamoah; il problema, se vogliamo definirlo tale, resta lattacco perchè con lo schieramento visto a Napoli sarebbe solo un esterno puro a essere in campo, e gli altri tre (includendo anche Mario Mandzukic) sarebbero in panchina. Dunque, Allegri dovrebbe rinunciare a Federico Bernardeschi, scelta che potrebbe starci visto che lex della Fiorentina non è ancora al top della condizione, oppure a un centrocampista: secondo quanto si è visto venerdì sera, a uno tra Claudio Marchisio e Rodrigo Bentancur. A meno che ovviamente non si decida di poter fare a meno di Asamoah; questo però potrebbe essere un rischio in caso di dover sostituire Alex Sandro, anche se lalternativa il tecnico della Juventus ce lavrebbe sul terreno di gioco. Vale a dire Mattia De Sciglio, che può agilmente giocare sulla fascia destra. Chiaramente, le scelte per la panchina della Juventus deriveranno innanzitutto e in maniera diretta da quella che sarà la formazione titolare che giocherà sul campo dellOlympiacos. (agg. di Claudio Franceschini)

IN ATTACCO

Presentando le probabili formazioni di Olympiacos Juventus, abbiamo parlato della possibile composizione del centrocampo e delle ampie scelte a disposizione di Massimiliano Allegri; in attacco invece la coperta è decisamente più corta. Un po per come è composta la rosa, con tanti esterni e poche punte di ruolo; un po perchè Mario Mandzukic resta in dubbio e Gonzalo Higuain deve ancora risolvere al 100% il problema alla mano. Al San Paolo il Pipita ha giocato con uninfiltrazione, e infatti nel secondo tempo ha provato dolore; la sensazione è che al Pireo sarà regolarmente in campo, ma la sua condizione impone che lo schieramento della Juventus sia con un solo attaccante, come del resto Allegri ha sempre fatto in stagione. Dunque il ballottaggio è tra Mandzukic e Higuain; sugli esterni invece le scelte sono maggiori, perchè Juan Cuadrado e Douglas Costa possono alternarsi a destra e ci sarebbe anche Federico Bernardeschi, che appare in ripresa dal problema muscolare e rappresenta una possibilità. Lo stesso Mandzukic resta papabile per tornare a giocare da laterale tattico in un 4-2-3-1; con lo schema visto a Napoli invece il ballottaggio aperto sarebbe verosimilmente quello tra Douglas Costa e Cuadrado che hanno caratteristiche se vogliamo simili, potrebbe però esserci spazio anche per Bernardeschi che dietro le punte, insieme a Paulo Dybala, potrebbe fare male anche perchè dotato di un ottimo tiro da fuori (come ha già fatto vedere nella partita di campionato contro la Spal). (agg. di Claudio Franceschini)

FOCUS SUL CENTROCAMPO

Chi giocherà a centrocampo in Olympiacos Juventus? Massimiliano Allegri ha spesso e volentieri stravolto il suo pensiero nelle ultime partite dei bianconeri: al San Paolo per esempio il tecnico ha disposto la sua linea mediana a quattro, con Blaise Matuidi esterno tattico a sinistra e Douglas Costa che si abbassava a prendere palla e lavorava in fase di non possesso. Una soluzione estemporanea per contrastare il Napoli? Sicuramente sì, ma la formula ha funzionato e potrebbe essere riproposta. In più, così facendo Allegri avrebbe più facoltà di ruotare i suoi centrali, con Sami Khedira e Miralem Pjanic che partono ancora favoriti ma Claudio Marchisio che, rigenerato dopo linfortunio, avrebbe sicuramente più spazi da prendersi; senza dimenticarsi di Rodrigo Bentancur, che ormai è stabilmente entrato nelle rotazioni e, a sorpresa, potrebbe anche essere titolare questa sera. Non dimentichiamo che il ventenne uruguaiano ha già giocato tre partite di questa Champions League: titolare allesordio al Camp Nou, è stato negli undici di partenza anche contro lOlympiacos allandata per poi avere un cameo di 25 minuti due settimane fa, nella partita interna contro il Barcellona. Ovviamente Allegri tiene in piedi le altre soluzioni: quella ormai classica del 4-2-3-1 oppure anche quella del 4-3-3 puro, uno schema che però appare meno percorribile perchè significherebbe destinare Paulo Dybala a giocare come esterno. A meno che, ovviamente, non si parli di 4-3-1-2 con la Joya sulla trequarti alle spalle di due prime punte. (agg. di Claudio Franceschini)

I DUBBI IN DIFESA

Il dubbio di Massimiliano Allegri in Olympiacos Juventus riguarda anche la composizione della linea difensiva: se i terzini (Mattia De Sciglio e Alex Sandro) sono di fatto sicuri del posto e così anche Giorgio Chiellini, in tre si giocano una maglia per affiancare il toscano al centro della linea. Mehdi Benatia è reduce da un ottimo periodo: il centrale marocchino ha giocato contro il Barcellona e poi in campionato contro Crotone (segnando) e Napoli, i ogni caso fornendo prestazioni sicure e autoritarie. Tuttavia Andrea Barzagli è luomo dei momenti decisivi: ha giocato solo lultimo spezzone al San Paolo per blindare il risultato, si è riposato e potrebbe essere la soluzione vincente per stringere le maglie della difesa, anche se ormai si è specializzato come terzino destro tattico o in una difesa a tre (che potrebbe comunque essere riproposta). In Champions League ha giocato poco Daniele Rugani: titolare soltanto contro il Barcellona, più che altro per lassenza di Chiellini, poi solo panchina – con tribuna nella partita casalinga contro lo Sporting Lisbona. La sensazione è che in caso di scelta tra due o più centrali il lucchese ex Empoli sarebbe il sacrificato da Massimiliano Allegri, ma ultimamente lallenatore della Juventus ci ha abituati a grandi sorprese e dunque martedì sera potrebbe esserci un altro caso simile. (agg. di Claudio Franceschini)

NOTIZIE ALLA VIGILIA

Olympiacos Juventus si gioca alle ore 20:45 presso il Georgios Karaiskakis: al Pireo, martedì 5 dicembre alle ore 20:45, per le due squadre si conclude il girone D di Champions League 2017-2018. I greci, che hanno ottenuto un solo punto, salutano anche lEuropa; la Juventus continuerà in ogni caso il suo cammino, ma per gli ottavi di finale servirà vincere per non essere costretti a guardare il risultato del Camp Nou, dove lo Sporting Lisbona non dovrà andare oltre il pareggio per spalancare ai bianconeri le porte della fase ad eliminazione diretta. Una partita comunque da giocare al  100%, senza calcoli: solo così la Juventus avrà tante possibilità di superare lostacolo e proseguire la sua corsa in Champions League. Andiamo subito a vedere quali possono essere le scelte dei due allenatori, analizzando in maniera più dettagliata le probabili formazioni di Olympiacos Juventus.

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Olympiacos Juventus sarà come sempre unesclusiva in diretta tv del digitale terrestre a pagamento: tutti gli abbonati potranno seguire la partita del Pireo sul canale Premium Sport, che è disponibile anche nella versione in alta definizione (Premium Sport HD). Per la diretta streaming video invece cè lapplicazione Premium Play, che per gli abbonati non comporta costi aggiuntivi.

PROBABILI FORMAZIONI OLYMPIACOS JUVENTUS

LE SCELTE DI LEMONIS

Takis Lemonis ha preso in mano lOlympiacos proprio alla vigilia della sfida di andata, che la Juventus aveva vinto 2-0; il tecnico manda in campo un 4-3-3 ma chiaramente, essendo già arrivata leliminazione, bisognerà vedere quali saranno le sue scelte. Possibile comunque che il tecnico voglia giocarsela per provare a vincere almeno una partita in questo girone; dunque, davanti al portiere Proto avremo una linea a quattro con lex Genoa Diogo Figueiras e Koutris sulle corsie laterali, con Engels e capitan Botia (cera nel 2014 e aveva segnato contro la Juventus) a formare il pacchetto centrale. A centrocampo unaltra vecchia conoscenza del calcio italiano, Tachtsidis, è il metronomo della squadra; al suo fianco le due mezzali dovrebbero essere Romao e Guillaume Gillet, con il possibile inserimento dal primo minuto di Odjidja-Ofoe che ha realizzato il gol inutile sul campo dello Sporting Lisbona. Nel tridente offensivo qualche dubbio in più per Lemonis: i titolari sarebbero Felipe Pardo e Carcela-Gonzalez, ma attenzione a Elabdellaoui e soprattutto Marko Marin che reclamano spazio e potrebbero averlo come titolari. La prima punta potrebbe essere Uros Djurdjevic anche se allAlvalade è stato provato Fortounis come centravanti tattico, soluzione che potrebbe essere riproposta. 

I DUBBI DI ALLEGRI

La Juventus ha lavorato sotto la neve per preparare la partita del Pireo; il grande dubbio è Mario Mandzukic, fermato da noie muscolari a Napoli e ancora in forse per lOlympiacos. Da valutare se, anche in caso di convocazione, il croato possa essere in campo dal primo minuto; Allegri potrebbe nuovamente cavalcare il 4-3-3 (o 4-4-1-1 tattico) con Douglas Costa (o Cuadrado) ad agire largo a destra, mandando invece Matuidi a fare il finto esterno in fase di possesso. Quello che potrebbe cambiare rispetto al San Paolo è lassetto difensivo: a destra va verso la conferma De Sciglio, a sinistra invece si dovrebbe rivedere Alex Sandro mentre al centro Benatia, reduce da tre partite consecutive, potrebbe lasciare il posto a uno tra Barzagli (probabilmente) e Rugani che fino a qui in Champions League non ha giocato tantissimo. A centrocampo invece dovrebbe essere riproposto il terzetto di venerdì sera, quindi quello con Pjanic a fare da regista e Khedira che gli dà una mano insieme al già citato Matuidi; da valutare anche Higuain ovviamente, perchè la mano gli ha causato dolore nel secondo tempo della partita di campionato. Dybala va a caccia del primo gol in questa Champions League: la Joya dovrebbe essere regolarmente in campo, mentre bisognerà capire chi andrà a formare la panchina visto che in Europa si possono portare soltanto sette giocatori.

PROBABILI FORMAZIONI OLYMPIACOS JUVENTUS: IL TABELLINO

OLYMPIACOS (4-3-3): 24 Proto; 77 Diogo Figueiras, 40 Engels, 3 Botia, 23 Koutris; 4 Romao, 6 Tachtsidis, 13 G. Gillet; 90 Felipe Pardo, 7 Fortounis, 33 Carcela-Gonzalez

A disposizione: 27 Kapino, 14 Elabdellaoui, 26 Vukovic, 8 Odjidja-Ofoe,10 Marin, 92 Sebà, 9 Djurdjevic

Allenatore: Takis Lemonis

Squalificati: –

Indisponibili: –

 

JUVENTUS (4-4-1-1): 1 Buffon; 2 De Sciglio, 15 Barzagli, 3 Chielliini, 12 Alex Sandro; 7 Cuadrado, 6 Khedira, 5 Pjanic, 14 Matuidi; 10 Dybala; 9 Higuain

A disposizione: 23 Szczesny, 4 Benatia, 22 Asamoah, 8 Marchisio, 30 Bentancur, 11 Douglas Costa, 17 Mandzukic

Allenatore: Massimiliano Allegri

Squalificati: –

Indisponibili: Lichtsteiner, Howedes, Pjaca

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori