BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

JUVENTUS/ E' Tiago la carta per arrivare a Diego

I bianconeri cercheranno di monetizzare Tiago a gennaio per arrivare al talento brasiliano del Werder

Diego_inborgehse_R375_29ott08.jpg(Foto)

Nel super centrocampo bianconero, l'uomo che ha trovato maggiore spazio nelle ultime partite è stato il portoghese Tiago. Uomo mercato della sessione estiva, nel senso che la Juve ha cercato di sbarazzarsene in ogni modo come fosse un appestato, Tiago, complici gli infortuni che hanno messo ko mezza squadra, ha trovato una certa continuità nelle ultime gare, diventando la toppa di Ranieri ad un reparto claudicante. Certo non bastano qualche centinaio di minuti in più di gioco per cambiare il futuro di un giocatore il cui destino sembrava segnato. Anche i tifosi continuano a non fidarsi del giocatore, come dimostra anche un sondaggio sul sito vecchiasignora.com dove oltre il 45% dei votanti si è espresso negativamente circa l'ipotesi di tenere il portoghese. Tiago avrà comunque ancora possibilità per mettersi in mostra, anche nella vetrina europea della Champions. E alla dirigenza di corso Galileo Ferraris la cosa fa comodo, dato che la maggiore visibilità potrebbe corrispondere ad un aumento della sua quotazione, caduta vertiginosamente rispetto ai 13,6 milioni che i bianconeri dovettero sborsare per prelevarlo nel 2007 dal Lione. Ma salvo imprevisti a gennaio i saldi per l'acquisto del portoghese ritorneranno e il giocatore, che sta vagliando l'ipotesi di un ritorno in patria, deve iniziare a meditare sul suo futuro. Sicuramente Secco e Blanc cercheranno di ottenere il massimo dal mercato in uscita, anche perchè l'obiettivo numero uno sulla lista della spesa non viene via a prezzi d'occasione. I contatti con Diego ci sono già stati, il suo desiderio di giocare in Italia è palese e il vero ostacolo potrebbe essere rappresentato dal discorso economico: il Werder dovrebbe chiedere 30 milioni, probabile che si possa trattare da 20 in su.

© Riproduzione Riservata.