BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GEORGIE/ La “sorella” australiana di Candy al centro di un intricato amore

Pubblicazione:

GeorgieR375.jpg

L’erede più accreditata di Candy Candy è Georgie, ve la ricordate? La ragazza australiana che parlava con i Koala e che usava i boomerang per adescare i maschietti. Se l’infermierina dai capelli crespi non sapeva cosa fosse l’amore dal punto di vista pratico, Georgie ha preso la palla al balzo per diventare il simbolo dell’emancipazione dei cartoni animati.

 

Non è uno scherzo! Georgie è quella che oggi si può tradurre come “gatta morta” e come donna di facili costumi, ovvero la classica rovina famiglie! Ho scoperto che Candy e Georgie sono praticamente sorelle visto che l’autrice è la stessa: la mitica Yumiko Igarashi.

 

Forse si era stancata di inventarsi storie su infermiere novizie e attori da strapazzo, e voleva qualcosa di più come scuotere il mondo con dei manga al limite dell’incestuoso, puntando tutto sulla seduzione femminile e faide tra fratelli.

 

Non ci credete ancora? Il cartone animato non è altro che una versione soft di quella cartacea che narra la storia di una bambina, figlia di un deportato inglese, che viene trovata in un bosco in Australia dalla famiglia Butman, quest’ultima composta da padre, madre burbera, e i fratelli Abel e Arthur.

 

Georgie corre felice sul prato, finché un bel giorno, nel pieno della sua quasi maturità sessuale, scopre l’amore per un nobile inglese: tale Lowell, conosciuto a una gara di boomerang. Tra loro nasce la passione, e i fratelli, increduli che la sorella sia ormai una donna, cercano invano di contrastare questo amore impossibile. Ma è forse la gelosia a muovere i fili della storia di Georgie?

 

Questo non è il classico triangolo amoroso, diciamo che è più un pentagono dove tutti amano tutti. Georgie, scoperto di essere soltanto una ragazzina in affido, fugge a Londra cercando il suo amato Lowell con il solo e unico intento di distruggere il fidanzamento con la perfida e ricca Elisa.

 

Per poter lasciare l’Australia e dirigersi alla volta della capitale inglese, Georgie si fingerà uomo per essere assunta come mozzo su una nave. Si porterà così dietro una serie di catastrofi: la morte della madre adottiva (a cui viene un colpo al cuore al solo pensiero che i figli litighino per quella biondina), le violenze di Arthur, e l’assassinio di Abel.

 

Come non è vero? Allora voi avete solo visto l’anime! Correte subito nella vostra fumetteria di fiducia e fatevi procurare i sette volumetti di “Georgie”: un vero condensato della verità assoluta, su una delle più lascive protagoniste dei cartoni animati.

 

ATTENZIONE: Se non volete sapere nulla sugli spoiler, fermatevi qui con la vostra lettura.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >>QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >