BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ Il 17 luglio si celebra San Leone IV

Il giorno 17 luglio di ogni la Santa Romana Chiesa, rammenta e festeggia tra i tanti uomini che hanno consacrato la propria vita al Signore Dio, la figura di San Leone 

(Infophoto) (Infophoto)

Il giorno 17 luglio di ogni la Santa Romana Chiesa, rammenta e festeggia tra i tanti uomini che hanno consacrato la propria vita al Signore Dio, la figura di San Leone, ricordato con il nome Papa Leone IV per un pontificato che ha avuto inizio il 10 aprile 847 e quindi è terminato il 17 luglio 855, giorno della sua morte. Papa Leone IV è stato il 103esimo successore di Pietro . Non si conosce moltissimo dell’infanzia di Papa Leone IV se non che fosse figlio di un uomo di nome Rodualdo e fosse nato a Roma. Ben presto crebbe nel proprio animo una vocazione verso il Signore Dio per cui decise di mettere a supporto dei più bisogno tutta la propria esistenza diventando un monaco benedettino nel Monastero di San Martino che all’epoca faceva parte della Basilica di San Pietro. Prima di arrivare al soglio pontificio, Papa Leone IV ricoprì una serie di incarichi per cui si fece apprezzare moltissimo nell’ambiente della curia romana ed in particolare divenne suddiacono di Papa Gregorio IV per poi assumere il ruolo di arciprete dei Santissimi Quattro Coronati. La sua elezione a Papa avvenne il giorno 27 gennaio 847 per poi venire consacrato e quindi a tutti gli effetti riconosciuto Pontefice il 10 aprile dello stesso anno. Un’elezione che secondo alcuni documenti storici e testimonianze che sono state portate avanti di generazione in generazione, fu molto veloce nella tempistica e che trovò d’accordo tutti i cardinali che furono chiamati in conclave alla scelta. La velocità con cui avvenne fu dovuta anche e soprattutto alla difficoltà in cui si trovava la città di Roma in quel periodo tant’è che non venne nemmeno sottoposta all’approvazione dell’allora imperatore Lotario I, spezzando di fatto una tradizione. In quel periodo Roma era una città ormai in fase decadente, lontana anni luce dalla città che aveva dominato per quasi mille anni il mondo. Roma si stava ancora leccando le ferite del devastante attacco messo in essere nell’846 dai saraceni. Papa Leone IV, ebbe un ruolo molto importante nella ricostruzione della città soprattutto per quanto riguarda le chiese di San Paolo e San Pietro. Inoltre, pensò bene di fortificare la città soprattutto in relazione ad un futuro attacco proveniente del mare con la cosiddetta Civitas Leonina nonché di aiutare la popolazione ormai ridotta alla fame, facendo in modo di distribuire in maniera equa i generi alimentari necessari alla sopravvivenza. L’opera di Papa Leone fu molto importante anche per dare nuova sicurezza non solo alla città ma a tutte le coste tirreniche che in quella fase storiche erano spesse prede degli attacchi da parte dei saraceni e dei pirati. Papa Leone ebbe il grande merito di unire le forze della città di Gaeta, Napoli e della stessa Roma per mettere insieme una flotta che ebbe la meglio su quella saracena, sconfitta abbastanza nettamente anche per via di condizioni atmosferiche favorevoli.